Gli 8 migliori portapane del 2022

Ultimo aggiornamento: 03.12.22

 

Portapane – Guida, Opinioni e Confronti

 

Non è sempre possibile acquistare il pane fresco ed ecco che conservarlo nella maniera appropriata diventa una necessità. Per preservarne a lungo la freschezza, la soluzione migliore è acquistare un buon portapane, come uno di quelli che vi proponiamo in questa guida. Se non avete tempo da dedicare alla lettura, ecco due modelli della nostra classifica che ci hanno colpito per le loro caratteristiche. Il primo è il Creative Home in Legno: solido, resistente e dal design elegante che si abbina facilmente anche alle cucine moderne. Il secondo è il classico Tupperware BrotMax 2, dotato di un innovativo sistema di ventilazione che favorisce la corretta circolazione dell’aria al suo interno.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori portapane – Classifica 2022

 

Non è facile scegliere quale portapane comprare, il mercato è ricco di proposte ed è sempre questione di esigenze personali oltre che, ovviamente, di budget. Ci sono modelli per tutte le necessità, da semplici ed economici a veri oggetti di design, che hanno un costo ovviamente superiore.

Si tratta di un’ottima idea regalo, soprattutto per chi ha una casa nuova e ha bisogno praticamente di tutto. Per semplificare la vostra scelta, ecco alcuni tra i migliori portapane del 2022 che abbiamo selezionato per voi. 

 

Portapane in legno

 

1. Creative Home Portapane Legno

 

Oltre a fare una gran bella figura in cucina grazie al suo design evergreen che non passa mai di moda, il portapane in legno proposto da Creative Home si contraddistingue per la buona capacità interna che lo rende ideale per l’uso quotidiano in famiglia.

Si colloca tra i prodotti più venduti online, non solo per l’equilibrato rapporto qualità/prezzo, ma anche perché dotato di una pratica apertura frontale a scomparsa che garantisce una diffusione uniforme dell’aria all’interno per prevenire la formazione di umidità e preservare a lungo la freschezza degli alimenti.

Molto comoda anche la superficie superiore piatta che può essere sfruttata come base d’appoggio per barattoli, spezie e ciò che serve per cucinare.

Nonostante il costo rientri nella media, vanta una qualità costruttiva di alto livello e un peso di soli 2,16 chilogrammi che ne facilita la presa e lo rendono facile da spostare da un punto all’altro della cucina.

 

Pro

Estetica: Il design d’altri tempi e ben curato nei dettagli ne fa un bell’oggetto da tenere a vista in cucina o da posizionare direttamente al centro della tavola per rendere speciale il momento del convivio.

Portello: Il coperchio roll top, oltre a rendere l’apertura più semplice e agevole, consente un buon passaggio d’aria all’interno per impedire la formazione di muffe e cattivi odori.

Dimensioni: La buona capienza del contenitore permette di riporre agevolmente il pane in cassetta e tutto quello che si vuole avere subito pronto per la colazione.

 

Contro 

Stabilità: A quanto pare, l’unico tallone d’Achille del modello è la base liscia e priva di piedini che lo rende poco stabile quando posizionato su superfici irregolari o leggermente curve.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Portapane Tupperware

 

2. Tupperware BrotMax 2 10173 – Contenitore per il pane

 

A chi si sta chiedendo dove acquistare un portapane di qualità, che sia al tempo stesso pratico e funzionale, troverà tutte queste caratteristiche condensate nel contenitore Junior proposto da Tupperware, azienda americana leader nel mercato globale dei prodotti per la casa e la cucina.

Il primo aspetto che balza all’occhio è la struttura interamente realizzata in plastica per alimenti, atossica e priva di sostanze potenzialmente nocive, che lo colloca tra i migliori modelli in termini di resistenza e robustezza.

Grazie alle dimensioni compatte e al peso di soli 480 grammi riesce a trovare facilmente posto in cucina senza occupare uno spazio eccessivo, sebbene si tratti di un vantaggio che va inevitabilmente a ridurre la capacità contenitiva del prodotto.

Tra le caratteristiche maggiormente apprezzate di questo portapane Tupperware segnaliamo, invece, la presenza di una griglia integrata sul coperchio che, in combinazione alla membrana Condens Control, previene lo sviluppo di muffe e mantiene l’interno ben areato, con un circolo d’aria costante.

 

Pro

Condens Control: Questo sistema agevola il passaggio dell’aria per mantenere un’areazione ottimale all’interno del portapane e preservare la freschezza degli alimenti più a lungo.

Funzionale: All’interno troviamo un unico scomparto dotato di un divisorio rimovibile che permette di mantenere separati e in ordine gli alimenti, senza alcuna commistione di odori o sapori.

Pulizia: Essendo realizzato con materiali di elevata qualità, può essere lavato anche in lavastoviglie, risultando estremamente pratico da mantenere pulito.

 

Contro 

Capienza: Chi è abituato a fare una buona scorta di pane troverà la capacità del contenitore insufficiente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Portapane Alessi

 

3. Alessi Gnam ASG22 W Porta Pane di Design

 

Un contenitore per il pane prodotto dal famoso marchio Alessi e realizzato dal designer Stefano Giovannoni, che ha deciso di conferire, a un accessorio di uso comune, un tocco sofisticato e davvero molto originale. Merito di questa buona riuscita  è anche il materiale utilizzato per realizzare il prodotto, la resina termoplastica, resistente e duratura.

Apprezzata l’apertura frontale che permette di inserire e di togliere il pane all’occorrenza con facilità. Ottime le dimensioni, altro punto forte del contenitore, che grazie alla lunghezza di 46 cm e alla larghezza di 30 cm, offre un comodo spazio per inserire l’alimento.

Il modello che abbiamo scelto di proporvi è bianco, ma se amate altre tonalità potete scegliere anche tra le varianti in nero e in arancio. Non è il portapane più economico, ma non ci si può stupire considerando che si tratta di un prodotto di design, molto originale e funzionale nella struttura. 

 

Pro

Design: Un portapane che spicca per la sua forma originale, frutto della creatività di Stefano Giovannoni, che unisce modernità e un elegante raffinatezza. 

Materiali: Il contenitore è realizzato in resina termoplastica, che dona un tocco sofisticato al prodotto e lo rende molto resistente. 

Dimensioni: Facendo una comparazione con altri portapane simili, questo modello è un po’ più lungo, infatti raggiunge i 46 cm.

 

Contro 

Costo: Non si può certo sperare in un prodotto economico realizzato da questo marchio. Il portapane GNAM ASG22 W non è un’eccezione, infatti il suo prezzo appartiene alla fascia alta. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Portapane Guzzini

 

4. Guzzini Tierra Cestino Pane

 

Il prossimo modello che vi proponiamo è pensato per chi predilige uno stile tradizionale, senza però rinunciare alla funzionalità e alla robustezza.

Stiamo parlando del portapane Guzzini appartenente alla collezione Tierra, una linea nata dalla collaborazione tra l’azienda italiana e i designer Pio e Tito Toso, con l’intento di creare dei contenitori per alimenti capaci di arredare la cucina con un tocco di eleganza, esclusività e raffinatezza.

Il coperchio in legno funge anche da tagliere per affettare e servire il pane tagliato direttamente in tavola, potendo contare anche su una pratica griglia raccogli-briciole che permette di mantenere il piano di lavoro perfettamente pulito e ordinato.

Dai pareri di chi lo ha scelto emerge un’ampia soddisfazione anche in merito alla capienza di dieci litri del contenitore, che offre quindi uno spazio sufficiente per conservare grandi quantità di pane in occasione di un pranzo o una cena con molti commensali.

Il prezzo a cui viene proposto è piuttosto alto rispetto alla media di mercato, ma trova comunque giustificazione nell’elevata resa costruttiva e nelle buone prestazioni offerte.

 

Pro

Estetica: Un portapane che spicca grazie alla suo design moderno e accattivante, adatto a chi non vuole rinunciare a un tocco di eleganza e raffinatezza in cucina.

Resistente: La struttura ha dimostrato una notevole resistenza all’usura e agli urti accidentali per servire al suo scopo a lungo nel tempo.

Tagliere: Il coperchio in legno può essere utilizzato anche come tagliere per tagliare pane, salumi e formaggi.

Capiente: Al suo interno è possibile conservare una buona quantità di pane, magari insieme a brioches e cornetti da servire a colazione.

 

Contro 

Costoso: Trattandosi di un oggetto di design realizzato da due professionisti di fama mondiale, si colloca in una fascia di mercato decisamente alta.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cestino portapane

 

5. Relaxdays Cestino per Pane in Acciaio, Rivestimento in Stoffa

 

La nostra comparazione prosegue con questo raffinato cestino portapane a marchio Relaxdays, che consigliamo a chi è alla ricerca di un perfetto compromesso tra qualità, funzionalità e prezzi bassi.

Ideale per servire il pane fresco, i croissant e altri prodotti da forno direttamente a tavola, presenta una struttura esterna in acciaio inossidabile che garantisce un’elevata resistenza all’ossidazione e alla ruggine, mentre l’interno foderato in tessuto si rivela utile, non solo per conservare il pane, ma anche per dare un tocco particolare alla cucina.

Per rendere più agevole la pulizia del complemento è possibile rimuovere il rivestimento interno per lavarlo comodamente in lavatrice e mantenere così sempre elevati gli standard igienici.

Inoltre, grazie alle dimensioni contenute di 10,5 x 23 x 23 cm, si adatta senza difficoltà a qualsiasi esigenza di spazio, trovando facilmente posto anche su una mensola o il ripiano di un mobile, senza risultare eccessivamente ingombrante.

 

Pro

Fodera: Il rivestimento interno in tessuto assorbe l’umidità e agevola il ricambio dell’aria per proteggere il contenuto dal deperimento e dalla disidratazione.

Compatto: Le dimensioni ridotte permettono di posizionarlo ovunque in cucina, senza occupare troppo spazio.

Rapporto qualità/prezzo: Rispetto ad altri modelli simili, il costo di questo cestino portapane appare davvero interessante. Se siete alla ricerca di un prodotto di qualità senza essere costretti a spendere una fortuna, vi consigliamo di valutare questa opzione.

 

Contro 

Design aperto: Manca il coperchio, quindi occhio a non lasciare le fette di pane e altri prodotti da forno al suo interno troppo a lungo per evitare che si induriscano o facciano la muffa.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Portapane in stoffa

 

6. Ecooe Cestino Portapane per il Pane Richiudibile con Cordoncino

 

Un contenitore per il pane in stoffa, caratterizzato da una struttura anticollasso che lo rende stabile su qualsiasi superficie sulla quale poggia. Grazie alla dotazione di quattro aste da inserire alla base, operazione molto semplice, il cesto offre uno spazio capiente per la collocazione di un massimo di 14 panini o di ciò che serve. Infatti, il design lo rende un prodotto versatile, che ben si adatta per diversi utilizzi.

La cesta è realizzata in puro cotone ecologico, privo di sostanze tossiche e BPA, con un rivestimento non candeggiato e incolore. Apprezzata la presenza del cordoncino per chiudere il contenitore e assicurare un miglior mantenimento del pane fresco. Molto interessante infine il costo, economico e alla portata di tutti. 

Per acquistare questo nuovo prodotto online, cliccate sul link che trovate qui sotto. 

 

Pro

Solido: Un cestino per il pane in tessuto che, grazie alle quattro asticelle di supporto di cui è dotato, non perde la sua forma per contenere fino a 14 panini.

Multifunzione: Un prodotto che, grazie al suo design versatile, può essere utilizzato come cesto per inserire ciò che può servire in cucina, e non solo il pane. 

Materiali sicuri: Realizzato in puro cotone non candeggiato, è privo di sostanze tossiche e BPA. Adatto quindi al contatto con gli alimenti. 

 

Contro 

Design: Non è il classico portapane solido, ma un contenitore in cotone al 100%. Quindi se cercate un modello classico non è la soluzione adatta alle vostre preferenze. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Portapane shabby

 

7. Lupia portapane con decoro Rose Hearts in legno shabby

 

Un portapane dallo stile romantico e shabby, quello di Lupia, caratterizzato dalla presenza di una stampa, raffigurante due cuori che racchiudono delle rose. Un design piacevole, che ben si adatta a una cucina di campagna o a una di città dallo stile country. 

Pratica l’apertura frontale a scomparsa, per inserire e mettere il pane al suo interno con facilità. Capiente e ben areato, grazie alla presenza di una piccola finestra, che evita la formazione di condensa all’interno del contenitore. In questo modo il pane rimane fresco più a lungo e non si rischia la formazione di muffa. 

Realizzato in pannelli di legno MDF, ha una struttura solida e resistente, ma è meglio evitare di pulire la stampa usando spugne abrasive. Vince nel complesso per il suo rapporto qualità/prezzo, considerando l’estetica davvero molto piacevole e i materiali di buona qualità impiegati per realizzarlo.  

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: Un bel portapane solido e capiente, che spicca per il suo costo competitivo e accessibile a tutte le tasche. 

Design: Un’estetica dal tocco romantico e raffinato, tipico dell’arredamento shabby chic, molto in voga negli ultimi anni. 

Funzionalità: La piccola finestrella, posta sul resto del contenitore per il pane, ha il compito di garantire una buona circolazione di aria interna, in maniera tale da conservare per più tempo il pane fresco. 

 

Contro 

Stampa: Il grazioso disegno, che occupa la parte frontale del portapane, è delicato ed è meglio evitare di pulirlo con spugne abrasive o detersivi aggressivi per non rovinare la stampa.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Sacchetto portapane

 

8. B&P Italia Piccolo Sacchetto portapane Fibra di cellulosa

 

Un sacchetto portapane Made in Italy, realizzato in fibra di cellulosa al 100%, un prodotto innovativo e originale che si presta a moltissimi usi diversi. Va bene infatti non solo come contenitore per il pane, ma anche per la frutta e altri alimenti o, se amate le piante, diventa una bella fioriera.

La fibra di cellulosa di cui è costituito è resistente ed è certificata per il contatto sicuro con gli alimenti. Pratico, leggero e versatile, è il miglior portapane economico in circolazione, destinato a chi non vuole spendere molto, senza rinunciare a un bel contenitore multifunzionale. 

Capiente e solido, può inoltre essere comodamente lavato a mano oppure in lavatrice a 30°; una vera rivoluzione da questo punto di vista. 

Se volte acquistare questo portapane online a prezzi bassi, cliccate sul link che segue la descrizione e che trovate qui sotto. 

 

Pro

Innovativo: Un prodotto Made in Italy, realizzato in fibra di cellulosa al 100%, che può essere lavato a mano o in lavatrice. 

Versatile: Il contenitore può essere utilizzato anche per la conservazione di frutta e altri alimenti, oppure come una fioriera originale.

Costo: Un prodotto che piace per il suo ottimo rapporto qualità/prezzo. È un sacchetto riutilizzabile e lavabile a un costo accessibile a tutte le tasche. 

 

Contro 

Estetica: Non è un portapane di design, ma il classico sacchetto del pane rivisitato. Non è quindi la scelta ideale per chi cerca una soluzione un po’ più particolare da un punto di vista estetico. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un buon portapane

 

Il pane è l’alimento per eccellenza, “povero”, come vuole la tradizione, e composto da soli quattro ingredienti: acqua, farina, sale e lievito. Proprio a causa dell’elevata quantità di acqua al suo interno, perde la sua freschezza o rischia addirittura la formazione di muffa, se non viene conservato nel modo corretto. 

Ecco che diventa necessario, soprattutto per chi non riesce a fare a meno di questo alimento, un bel contenitore per conservarlo e che dovrebbe avere delle caratteristiche ben precise. Se vi state quindi chiedendo come scegliere un buon portapane, ecco quali sono gli aspetti da non sottovalutare.

A cosa serve 

Il portapane svolge la funzione di conservare il pane fresco più a lungo, ma può anche diventare un vero e proprio complemento d’arredo in cucina. Sul mercato si trovano numerose tipologie di contenitori per il pane, partendo dai modelli classici a bauletto con apertura frontale, e altri dal tocco moderno e dalle forme originali.

Il portapane diventa così anche un accessorio da sfoggiare in tavola durante una cena con amici o parenti, donando un tocco di stile che rende l’ambiente creativo o sofisticato in base al modello. Il pane è protetto dall’esterno e viene disposto in maniera ordinata in uno spazio dedicato solo alla sua conservazione. 

 

Materiali e dimensioni 

In base alle vostre preferenze e ai gusti personali potrete scegliere se acquistare un contenitore per il pane in legno oppure in plastica o acciaio. La prima scelta comprende i portapane classici, ma anche quelli dallo stile country e romantico con stampe floreali o con i cuoricini.

La seconda scelta è destinata a chi ama lo stile moderno, un tocco originale e creativo in tavola. Detto ciò, è importante ricordare che un buon portapane combina estetica e funzionalità, e quindi è in grado di conservare il pane fresco nel modo corretto. 

Tra i materiali più utilizzati troviamo il legno, non solo per una questione estetica ma anche di prezzo. Facendo una ricerca sul mercato, i portapane realizzati in questa fibra sono tra i migliori da un punto di vista qualità/prezzo. 

Se infatti ci spostiamo sui modelli moderni in acciaio, e anche in plastica, magari realizzati da brand noti, il costo raddoppia quasi sempre. Il legno però, a differenza dei modelli in acciaio, in plastica o in metallo, tende a ridurre la circolazione di aria e quindi non è l’ideale per conservare il pane fresco, a meno che il portapane non sia provvisto di una finestrella che consente di far arieggiare l’interno. 

Gettonati i modelli a sacchetto, economici e riutilizzabili, realizzati con materiali naturali e traspiranti, come lino, cotone oppure in fibra di cellulosa.  

Un’altra caratteristica da valutare riguarda la grandezza del portapane, in modo tale da scegliere un modello in grado di contenere al meglio l’alimento, occupando il giusto spazio in tavola e in cucina. 

Non avrebbe molto senso avere un bellissimo portapane di design, magari pagato non poco, se poi non può svolgere a dovere la sua funzione. Quindi, sempre puntando alla funzionalità, le dimensioni sono importanti quanto i materiali. 

 

Non solo per il pane 

Un’altra considerazione da fare, prima di acquistare un contenitore per pane, riguarda la possibilità di utilizzarlo per altri alimenti, oppure come fioriera originale. Ci sono modelli che si prestano a essere versatili e multifunzionali: quando il pane fresco non c’è si possono usare per svolgere altre mansioni o per contenere altri alimenti. 

Dai modelli classici a quelli più moderni, è possibile trasformare un semplice portapane in qualcosa di diverso, in base alle proprie esigenze. 

Conclusioni 

Un buon contenitore per il pane ha il compito di tenere l’alimento principe al fresco e lontano dall’umidità, dando nello stesso tempo un tocco in più alla cucina. Come avete visto nei modelli che abbiamo selezionato per voi, ci sono proposte per tutte le necessità, anche per quanto riguarda il costo, soprattutto se si punta a un buon rapporto qualità/prezzo. 

Importante considerare praticità e funzionalità del portapane: se riuscite a trovare la soluzione che combina queste due caratteristiche, insieme a una forma gradevole, avrete trovate un nuovo complemento d’arredo da utilizzare come volete. 

 

 

 

Domande frequenti

 

Come si serve il pane?

Il cestino di pane, con all’interno un bel tovagliolo di stoffa, è il metodo tradizionale per servire l’alimento principe in tavola. È consigliabile portare il pane in tavola già tagliato e pronto per essere gustato. 

Un altro modo classico, con un tocco romantico, per servire il pane, consiste nel presentarlo in canovacci di cotone oppure di lino, optando per un colore da abbinare a quello della tovaglia o dei tovaglioli. 

Se invece amate il genere street food, non c’è nulla di meglio che presentare il vostro pane fresco all’interno del brown paper, ovvero il classico sacchetto rivisitato in chiave moderna, per dare un tocco contemporaneo e non troppo sofisticato alla vostra tavola. 

 

Quanto deve lievitare il pane?

Se state pensando di preparare un buon pane fatto in casa, è molto importante calcolare con cura la durata della lievitazione, una parte fondamentale del processo. I tempi variano in base al tipo di lievito utilizzato e alla quantità di pane che si prepara. L’impasto pronto per la lievitazione deve essere messo all’interno di un telo inumidito in un luogo asciutto. 

Se usate il lievito di birra, anche fino a quattro ore, ma nel caso del lievito di pasta madre i tempi si triplicano e il pane deve lievitare fino a 12 ore. Per verificare se è andata a buon fine, prima di cuocere tutta la pagnotta, prelevate una piccola quantità di impasto e versatelo dentro un bicchiere pieno di acqua fredda; se viene a galla è pronto per essere infornato. 

 

Come deve cuocere il pane in forno?

La potenza e la temperatura raggiunta da l’elettrodomestico di casa non ha nulla a che vedere con i forni professionali. Il segreto è quello di sperimentare per trovare il tempo di cottura e la temperatura ideali per il tipo di impasto che avete preparato.

In generale è sempre meglio inserire la pagnotta da cuocere a forno caldo e di ricordare di mettere al di sotto una ciotola con dell’acqua fredda, per evitare che l’impasto si possa seccare. 

 

Come si fa il portapane con il tovagliolo?

Il portapane è un accessorio che molto spesso in tavola fa la differenza grazie al suo design. Ma se non avete a portata di mano un bel cestino da sfoggiare, potete optare per un tovagliolo da trasformare in un vassoio, per servire il pane a tavola. 

Un piccolo centrotavola che si prepara in pochi semplici mosse: tutto quello che serve è appunto un tovagliolo di 50 cm. 

Apritelo e piegate i quattro angoli verso il centro per due volte; ora capovolgete il tovagliolo e piegate gli angoli verso il centro. Giratelo ancora una volta per ottenere un bel quadrato. Ora sollevate con le dita le punte degli angoli e anche quelle al di sotto.

 

 

 

Come fare un portapane di stoffa

 

Cucire è la passione di molte persone, che liberano la loro creatività per personalizzare l’ambiente in cui vivono con oggetti unici, e soprattutto handmade. Se quindi state pensando di aggiungere alla vostra collezione di oggetti fatti in casa un bel cesto portapane in stoffa, qui sotto trovate tutti i passaggi per eseguire un lavoro con i fiocchi.

Quando i vostri amici verranno a trovarvi e, guardando il vostro nuovo contenitore per il pane, vi chiederanno dove lo avete comprato, voi potrete stupirli dicendo che è una vostra creazione. Cosa serve? Davvero pochissimo e nello specifico: stoffa, cotone, gessetto bianco, ago e filo. 

La tecnica del punto croce

Iniziate con il misurare quanta stoffa vi occorre: per farlo prendete il cestello per il pane che avete a casa e che volete personalizzare. Importante lasciare sempre almeno 1 cm di tessuto in più, in modo tale che, se sbagliate qualche step, non dovete ricominciare tutto da capo.

Segnate i punti dove volete realizzare le vostre creazioni utilizzando il gessetto bianco: se siete alle prime armi con l’arte del cucito disegnate prima di cucire stando sempre leggeri con la mano. Il gessetto è molto utile, ma se marcate troppo rischiate di non riuscire a toglierlo dopo che ci avrete cucito sopra. 

Ora è il momento di prendere ago e filo e di realizzare il disegno che avete scelto con la tecnica del punto croce. Il rivestimento è pronto per essere attaccato sia all’interno, sia all’esterno del vostro cestello. 

 

I disegni con il cartamodello

Se non avete praticato abbastanza la tecnica del punto croce, un’alternativa è quella di realizzare i disegni che volete con il cartamodello della forma che desiderate, che deve essere ricoperto di tessuto e ritagliato per seguire la sagoma del disegno. 

I fiori sono tra i più gettonati e per realizzare i diversi strati il materiale migliore è il feltro. Si possono creare strati diversi con colori differenti: una volta uniti si vedranno tutte le tonalità. A questo punto i fiori si possono cucire al resto della stoffa.  Quindi, prima si realizzano i fiori e solo dopo li unite al resto del tessuto, cucendoli sul rivestimento esterno del cestino.

Creazioni versatili

I contenitori per il pane fai da te sono accessori multifunzionali, che si prestano a un’infinità di utilizzi. C’è chi li sceglie per altri alimenti, come la frutta o le brioche, oppure chi decide di usarli come organizzatori di trucchi o come contenitori per le chiavi di casa. 

La varietà di stoffe e di tessuti consente di realizzare dei portatutto che, come dice il loro nome, si possono utilizzare per ogni esigenza, dal pane a una lista di altre mansioni. 

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS