Le 8 migliori oliere del 2022

Ultimo aggiornamento: 26.09.22

 

Oliere – Guida, Opinioni e Confronti

 

In cucina è sempre utile avere a disposizione un’oliera ma anche un set che includa il dosatore per l’aceto. Come scegliere quella giusta? In primo luogo è necessario che i materiali siano privi di sostanze nocive e poi è preferibile che il beccuccio sia salvagoccia, per non sporcare. Tra i nostri modelli preferiti ci sono: Eletorot Olio Cucina in Vetro Spruzzatore 100ml Acciaio Inossidabile dal corpo con i ml, per capire bene quanto prodotto spruzzare e sapere quando è in fine. Realizzato in vetro e acciaio inossidabile, non contiene sostanze nocive come il BPA. Life Style Oliera Salvagoccia Acciaio Inossidabile 1L è invece un modello in acciaio inox, con un valido beccuccio salvagoccia e dal prezzo molto conveniente.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 migliori oliere – Classifica 2022

 

Ecco alcune delle migliori oliere del 2022 tra quelle vendute online: fate una comparazione delle loro caratteristiche e individuate le offerte più interessanti tra le quali scegliere il modello più adatto alle vostre esigenze.

 

1. Eletorot Olio Cucina in Vetro Spruzzatore 100ml Acciaio Inossidabile 

 

Se siete arrivati qui, probabilmente non sapete quale oliera comprare: iniziamo a suggerirvi uno dei modelli più venduti in quanto non solo un contenitore per l’olio ma anche un oggetto utile per condire gli alimenti durante o prima della cottura.

Grazie alla struttura graduata, infatti, saprete esattamente quanti ml state spargendo sul cibo e vi renderete conto quando il contenuto è in fine perché il prodotto è trasparente: i materiali usati sono infatti il vetro e l’acciaio inossidabile, per garantire una vita più lunga.

La capacità totale è di 100 ml e il costo vantaggioso visto le performance di questa oliera spray. L’unico difetto sembra essere il getto, che è diretto e non nebulizzato, come qualcuno avrebbe preferito. 

Se non sapete dove acquistare questo modello a prezzi convenienti, date uno sguardo al link in basso.

 

Pro

Struttura graduata: Questa oliera ha un corpo con gli ml indicati, per cui saprete esattamente quando l’olio è in fine.

Materiali: In vetro e acciaio inossidabile, non contiene sostanze nocive come il BPA, quindi potrete usare questo prodotto senza timore.

Costo: Questa oliera è venduta a un prezzo interessante, alla portata di tutti, anche per la qualità dei materiali.

 

Contro

Getto: Non è nebulizzato ma diretto, una caratteristica che non convince proprio tutti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Life Style Oliera Salvagoccia Acciaio Inossidabile 1L

 

Se per voi la migliore oliera è quella classica, date un’occhiata a quella di Life Style, un modello in acciaio inossidabile con sistema salvagoccia. Il corpo a imbuto è dotato di un tappo removibile che permette di riempire il contenitore molto facilmente.

Il beccuccio sottile invece consente di versare l’olio senza problemi sulle pietanze. La maniglia è abbastanza ampia da permettere di prendere il prodotto senza rischio di farlo cadere o scivolare.

Le capacità disponibili sono varie e vanno dai 250 ml a 1 L, tutte a prezzi bassi, visto che si tratta di un’oliera in acciaio dalla lunga durata e dall’aspetto sobrio e indicato per tutte le tavole. L’olio esce a filo, quindi non sporca e permette di condire le pietanze dosando bene la quantità.

L’unica pecca, secondo i pareri degli utenti, è la scritta “Acetiera” su alcuni modelli arrivati a casa.

 

Pro

Acciaio: Questo modello è interamente in acciaio inossidabile, per cui è resistente e può essere lavato anche in lavastoviglie.

Beccuccio: Un elemento salvagoccia e che permette di versare l’olio senza problemi, dosandone la giusta quantità.

Capacità: Ce ne sono varie disponibili, dai 250 ml a 1 L, tutte vendute a un prezzo interessante.

 

Contro

Scritta: Su alcuni modelli c’è la scritta “Acetiera”, quindi chi vuole esporre il prodotto può non essere contento di questa indicazione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Tescoma 642773 Vitamino Oliera Vetro 500 ml 1 Pezzo

 

Sono ancora molti i dubbi su come scegliere una buona oliera? Date uno sguardo a uno dei prodotti più economici in commercio, che ha anche uno stile moderno, che va bene in qualsiasi cucina.

In vetro borosilicato, resiste alle alte temperature, per cui potrete lavarla tranquillamente anche in lavastoviglie senza che si rovini e per ottenere una pulizia più profonda. Il beccuccio è in silicone ed è provvista anche di un tappo, nello stesso materiale, per proteggere il contenuto dai radicali liberi.

Questa oliera Tescoma ha una capacità di 500 ml ma è disponibile anche nella versione da 250 ml e in coppia con l’acetiera. Il prezzo di vendita è basso e alla portata di tutti, ma c’è chi ha riscontrato una certa instabilità del beccuccio, che così non permette di non sporcare il contenitore. 

 

Pro

Materiali: Il prodotto è in vetro borosilicato, che resiste alle alte temperature e quindi può essere lavato anche in lavastoviglie.

Tappo: In silicone, come il beccuccio, è pensato per proteggere l’olio dalla polvere e dai radicali liberi.

Capacità: Sono disponibili quella da 250 ml e 500 ml, entrambe vendute a un costo basso e alla portata di tutti.

 

Contro

Beccuccio: Non è molto stabile, per cui l’olio spesso fuoriesce, dato che non è un valido salvagoccia.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Classe Italy 8435111501726 Oliera Salvagoccia Conica 250 milliliters Vetro 

 

Quella di Classe Italy è perfetta per chi cerca una nuova oliera salvagoccia, per non sporcare la tovaglia o il piano di lavoro quando deve condire gli alimenti. Non solo, perché è possibile scegliere la forma preferita tra quelle disponibili, ovvero a campana, conica, a duna e rotonda.

Grazie proprio al contenitore potrete avere una presa sicura e servirvi del beccuccio per versare l’olio senza farlo cadere e senza sprecarlo. Il costo un po’ più alto del solito è giustificato dalla presenza di alcuni beccucci di ricambio, utili nel caso in cui quello principale si rompa.

Il corpo è in vetro borosilicato, privo di sostanze nocive come il piombo, il cadmio e i BPA, e può essere messo anche in lavastoviglie, ma c’è chi ha notato che è poco resistente, in quanto si rompe facilmente con una caduta.

 

Pro

Salvagoccia: Il beccuccio è realizzato in modo che le gocce di olio non cadano sulla tovaglia e che quindi non ci sia spreco o sporco.

Pezzi di ricambio: Ci sono alcuni beccucci di ricambio, utili nel caso in cui il pezo principale si rompa.

Forme: Potrete scegliere tra quelle disponibili, come quella conica o rotonda, tutte vendute a un costo basso e interessante.

 

Contro

Materiale: Anche se il vetro borosilicato va bene in lavastoviglie, risulta fragile in caso di cadute accidentali.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Alessi 5074/AO Contenitore per Olio o Aceto Cristallo/Acciaio

 

Se avete intenzione di fare un regalo originale oppure desiderate che anche ciò che fa parte della cucina sia un oggetto d’autore, pensate all’oliera Alessi, un prodotto creato dal famoso marchio simbolo dello stile e dell’innovazione.

Creata da Ettore Sottsass, il celebre architetto, ha una forma classica e una copertura tondeggiante. Sono in realtà i materiali a farla da padrone, visto che il corpo è in cristallo e il beccuccio, con il tappo, sono in acciaio.

Questo aspetto ne fa un oggetto delicato, che quindi deve essere lavato esclusivamente a mano per non essere rovinato, visto che costa anche non poco. Una valida idea regalo per chi ama avere in casa pezzi originali.

Attenzione però al beccuccio, che non è salvagoccia, quindi potreste sporcare se lo usate senza farci caso.

 

Pro

Stile: Questo è un oggetto di design, perché realizzato da Ettore Sottsass per Alessi, quindi è pensato per chi non vuole solo una semplice oliera.

Materiali: Spicca per l’impiego del cristallo per il corpo e dell’acciaio per beccuccio e tappo.

 

Contro

Beccuccio: Non è salvagoccia, per cui fate attenzione quando lo usate, se non volete sporcare il tavolo o la tovaglia.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Tupperware Condi e Servi da 600 ml Oliera 34631

 

L’oliera Tupperware viene incontro alle esigenze di chi ha bisogno di un oggetto pratico per i pranzi o le cene quotidiane. Se quindi badate più a questo aspetto, l’articolo è proprio ciò che fa per voi.

Il corpo è in plastica rigida ed è sormontato dal beccuccio che ha un tappino facile da aprire e chiudere, grazie all’apposito sistema che non vi costringe a togliere e mettere un tappo che è invece incorporato.

Pratico da usare, è anche molto leggero anche quando è pieno, quindi può essere maneggiato da tutti. Questa versione è da 600 ml, una quantità che però non soddisfa pienamente gli utenti alla ricerca di qualcosa di più capiente.

Anche per questa ragione il costo appare abbastanza alto, seppure il materiale sia resistente e quindi la durata di questa oliera sarà notevole.

 

Pro

Pratica: Questa oliera ha un corpo che ne rende semplice la gestione, oltre che essere leggera anche quando piena.

Tappo: Incorporato all’oliera, rende semplice aprirla e chiuderla, per cui non dovrete aver paura di lasciarlo in giro o perderlo.

 

Contro

Prezzo: Appare un oggetto molto costoso in rapporto alla capacità, che è di soli 600 ml.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. EvaSolo 567685 Caraffa Trasparente 0.5 l

 

EvaSolo propone un’oliera design pensata per chi vuole oggetti unici e pieni di stile anche nella propria cucina. La forma è quella di una caraffa sormontata da un beccuccio antigoccia, che si apre e si chiude grazie a un tappo.

Il corpo è in vetro borosilicato, resistente alle alte temperature, quindi ideale anche per il lavaggio in lavastoviglie. Il beccuccio in acciaio inossidabile e il tappo in silicone sono entrambi anche molto facili da pulire e non richiedono il lavaggio a mano.

Al suo interno è possibile inserire tanto aceto quanto olio, quindi potrete acquistare due pezzi se volete creare un set simile. Tuttavia c’è da considerare il prezzo alto, rispetto ad altri oggetti simili, per cui non è un’oliera dedicata a chi pensa prettamente al risparmio, ma piuttosto a chi cerca sempre lo stile anche nelle piccole cose.

 

Pro

Pezzo di design: Questa oliera è realizzata facendo caso allo stile, infatti ha una bella forma di caraffa in miniatura.

Beccuccio: Questo elemento è salvagoccia ed è sormontato da un tappo che si apre e chiude facilmente.

Materiali: Il corpo è in vetro borosilicato, il beccuccio in acciaio inox e il tappo in silicone, ma tutti e tre sono lavabili in lavastoviglie.

 

Contro

Costo: Non è un articolo economico, per cui potreste orientarvi su qualcosa di meno costoso se è questa la vostra principale preoccupazione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Guzzini Oliera/Acetiera 500 cc Gocce Trasparente 

 

Anche l’oliera Guzzini si distingue per la sua classe, visto che ha un corpo sinuoso, che ne facilita anche l’impugnatura. Realizzata in vetro temperato resistente agli urti, ha un beccuccio salvagoccia che si richiude grazie a un tappo in materiale plastico.

Nell’insieme è trasparente, ma è presente anche nella versione con tappo rosso, per chi vuole ancora di più da una semplice oliera. La capienza di 500 cc ne fa un oggetto anche facile da gestire, e sarà anche molto semplice capire quando dovrete riempirlo.

Esteticamente molto appagante, viene apprezzata per lo stile e per la funzionalità, in quanto non fa cadere neppure una goccia. Il costo è nella media, date le sue caratteristiche, ma più alto di quello di un modello semplice.

Il problema è il tappo, che non si incastra, ma resta solo poggiato al di sopra, per cui potrebbe cadere con molta facilità.

 

Pro

Impugnatura: Il corpo di questa oliera le consente di essere impugnata senza difficoltà, perché ha due insenature al centro.

Beccuccio salvagoccia: Questa caratteristica è importante se non volete che si sporchi la tovaglia o il tavolo quando versate l’olio.

 

Contro

Tappo: Disponibile nelle versioni trasparente e rossa, non si incastra, ma resta solo poggiato, per cui potrebbe cadere se spostate l’oliera senza prestare attenzione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare una buona oliera

 

In una casa moderna, gli oggetti che sono presenti in cucina, oltre che a essere funzionali e utili a renderci più semplice la quotidianità, dovrebbero anche dare un tocco di stile all’ambiente. 

Oggi la cucina non è più considerata soltanto una camera di servizio come accadeva una volta ma rappresenta anche un luogo di convivialità, dove non ci si riunisce solo per cucinare o per mangiare ma anche per parlare e stare insieme.

In questa guida parleremo di un oggetto molto usato sia in cucina sia a tavola ovvero l’oliera. Continuando a leggere troverete dei consigli utili per scegliere il modello di oliera più adatto a soddisfare le vostre esigenze.

Un oggetto pratico da usare

Quando si è a tavola, è bene avere tutto a portata di mano, onde evitare di alzarsi mille volte per andare a prendere ciò che serve. In questo modo si interromperebbe in maniera fastidiosa un momento conviviale all’interno del quale bisognerebbe starsene sereni e godersi il pasto in santa pace.

Tra i vari oggetti che non dovrebbero mai mancare sopra una tavola apparecchiata, c’è l’oliera. Grazie a questo contenitore leggero e maneggevole, è possibile condire le pietanze in modo pratico e veloce.

Si tratta di un oggetto che affonda le sue radici nella nostra antica tradizione culinaria e che è in grado di mettere in risalto uno degli ingredienti più buoni della gastronomia italiana. 

L’olio nostrano è un prezioso e gustoso condimento che tutto il mondo ci invidia e per dare a questo il giusto valore, è bene racchiuderlo in un contenitore adeguato, attraverso il quale è possibile dosarlo nel migliore dei modi, onde evitare ogni spreco.     

In commercio esiste una vasta gamma di oliere, che variano per forma, dimensioni, colori e materiali. Prima di acquistarne una, è bene valutare con attenzione quale può essere il modello più adatto a soddisfare le nostre esigenze e per fare ciò, è necessario tenere in considerazione diverse caratteristiche dell’oggetto.

 

Il design

Sicuramente, uno dei primi aspetti da valutare prima di acquistare un’oliera, è il suo design. Fate attenzione a optare per un modello che abbia un beccuccio di erogazione funzionale e pratico da utilizzare. Questa parte del contenitore è fondamentale e deve essere realizzata al meglio, in modo da evitare ogni spreco.

Una volta che avete verificato la buona funzionalità del beccuccio, date un’occhiata anche al design dell’oliera, tenendo a mente che si tratta di un oggetto che può essere lasciato a vista in cucina. 

A tal proposito, l’aspetto estetico gioca un ruolo importante, pertanto la scelta della forma e  del colore dell’oliera deve essere effettuata anche in base allo stile d’arredamento dell’ambiente.

Il mercato offre un’infinita gamma di modelli, infatti è possibile optare per un design retrò, qualora la vostra cucina fosse improntata sul classico, oppure per una linea moderna e minimalista, qualora l’ambiente ricalcasse uno stile contemporaneo.

Per quanto riguarda il colore e le eventuali decorazioni dell’oggetto, valutate bene quale fantasia può essere più in sintonia con i colori della vostra cucina.  

Ricordate che un’oliera ben curata nel design, può rendere la tavola più accogliente e impreziosire l’arredamento, quando questa viene riposta su un mobile o su una mensola.

I materiali

Un altro aspetto da non sottovalutare prima di acquistare un oggetto del genere, è la scelta dei materiali. In commercio si possono trovare oliere realizzate in plastica, metallo, vetro, ceramica e molto altro ancora. 

Chiaramente siete voi a dover optare per un modello o per l’altro, a seconda delle vostre esigenze. Alcune persone per esempio, preferiscono le oliere trasparenti piuttosto che quelle in metallo, in quanto attraverso le prime, è possibile visualizzare la quantità di olio presente all’interno del contenitore. 

Poi c’è chi ama anche di più l’aspetto artistico dell’oggetto e preferisce un modello in ceramica decorata o un’oliera monocromatica dal design minimalista e moderno.

Al di là dell’aspetto estetico, è sempre bene ricordare che l’oliera è un contenitore che prima di tutto deve risultare funzionale e che deve essere in grado di conservare al meglio l’olio, mantenendone inalterate le proprietà organolettiche e la fragranza.

A prescindere dal tipo di oliera che sceglierete, evitate di lasciare il contenitore esposto al sole o vicino ad altre fonti di calore e non riponetelo mai accanto a bottiglie di aceto, di vino o di detersivo. Inoltre ricordate che l’olio deve essere conservato a una temperatura ideale che oscilla tra i 12 e i 18°C.

Se terrete conto di questi piccoli suggerimenti, gli acidi grassi dell’olio non tenderanno a deteriorarsi e il prodotto durerà più a lungo.

 

 

 

Come usare l’oliera

 

Una tavola che manca di un’oliera per condire o insaporire le pietanze e le insalate, non è una tavola completa. Un filo d’olio extravergine d’oliva non può mancare durante un pranzo o una cena, pertanto è buona cosa disporre sempre di un contenitore pratico e semplice per versarlo.

Se siete amanti dei pic-nic e delle scampagnate, vi suggeriamo di optare per un’oliera piccola e realizzata in materiale infrangibile. In questo modo potrete inserirla comodamente in una cesta, assieme alla bottiglia d’aceto, alla saliera e a tutto ciò che serve per la vostra gita fuori porta.

La migliore oliera

Il mercato offre una vasta scelta di oliere adatte a soddisfare tutte le esigenze e tutti i gusti. Potete acquistare il modello che preferite tramite un sito online oppure recandovi presso un negozio fisico che tratta oggettistica per la casa. Diversamente il prodotto può essere reperito anche presso gli ipermercati o i megastore casalinghi.

Per quanto riguarda il prezzo medio di un’oliera, è difficile definirlo in maniera precisa, in quanto il costo dell’oggetto dipende da diversi fattori, quali: materiali, dimensioni, design e marchio. Tuttavia è possibile trovare modelli con fasce di prezzo per tutte le tasche.

Chiaramente al momento dell’acquisto, vi suggeriamo di optare sempre per un’oliera di buona qualità, perché dovrà contenere l’olio, che resterà al suo interno per lungo tempo. La bottiglietta infatti, deve essere in grado di preservare tutte le proprietà del condimento per l’intera permanenza di quest’ultimo all’interno del contenitore.

 

Come pulire un’oliera in acciaio

Le oliere in acciaio sono tra i migliori contenitori per conservare l’olio e mantenere intatte tutte le sue proprietà organolettiche. Tuttavia è bene ricordare che questo tipo di bottiglietta deve essere pulito periodicamente, onde evitare ristagni e residui di olio vecchio all’interno del contenitore.

Per pulire un’oliera in acciaio in maniera ottimale, possono essere utilizzati diversi metodi, come per esempio il bicarbonato di sodio o la soda caustica. La prima sostanza è quella più usata per questo genere di operazione, infatti è in grado di offrire dei risultati soddisfacenti. 

Per effettuare un lavaggio corretto, occorre prendere del bicarbonato e diluirlo in acqua calda. Una volta ottenuta la soluzione detergente, bisogna versarla all’interno dell’oliera e procedere con la pulitura del contenitore.

Ricordate che a fine trattamento è necessario risciacquare il recipiente molto accuratamente e asciugarlo prima di riutilizzarlo.

Come pulire un’oliera in vetro

Ricordate che non bisogna mai mettere dell’olio nuovo all’interno di un’oliera che ne contiene ancora altro. È necessario prima consumare completamente il vecchio olio e successivamente lavare il contenitore. 

Questo perché bastano poche gocce di olio vecchio per irrancidire quello nuovo e dare origine a un processo di ossidazione potenzialmente pericoloso per l’uomo, ovvero la formazione di radicali liberi.

Se il contenitore da pulire è di vetro, vi basterà reperire i seguenti ingredienti: quattro cucchiai di bicarbonato, due cucchiai di detersivo per piatti, mezzo bicchiere d’aceto di vino e un bicchiere d’acqua calda.

Versate il bicarbonato all’interno dell’oliera vuota e aspettate qualche secondo, così darete modo alla sostanza di assorbire i residui d’olio. Successivamente aggiungete il detersivo per piatti, l’aceto e il bicchiere d’acqua. A questo punto tappate la bottiglietta e agitatela vigorosamente per consentire alla soluzione di lavare a fondo l’oliera. 

Svuotate la bottiglietta e risciacquatela per bene. Se il risultato non è perfetto, ripetete l’operazione finché il vetro non apparirà brillante.

 

 

 

Domande frequenti

 

Le oliere devono essere chiuse o aperte?

Che si tratti di un’oliera in vetro, in acciaio, in plastica o in ceramica, è necessario che il contenitore sia munito di tappo, in quanto l’olio deve essere conservato in maniera perfettamente sigillata.

Se l’olio rimane a contatto con l’aria, viene accelerato il suo processo degradativo. In pratica si verifica un fenomeno di ossidazione della sostanza, causato dalla formazione dei radicali liberi, che alterano la qualità dell’olio, ossidando le sue molecole. 

Ricordate di tappare per bene l’oliera dopo ogni utilizzo, in modo da mantenere intatte tutte le proprietà del condimento.

Da quali materiali deve essere composta una buona oliera?

Le migliori oliere presenti sul mercato sono quelle realizzate in acciaio inox, in vetro borosilicato, in cristallo e in plastica alimentare. Questi materiali sono molto sicuri e riescono a mantenere inalterata la qualità dell’olio.

Chiaramente, onde evitare che il condimento si rovini, è necessario conservarlo in un luogo riparato, lontano dalla luce diretta e da eventuali fonti di calore.

 

Quanto costa un’oliera?

Il prezzo di un’oliera varia in base a diversi fattori, come il design, le dimensioni, i materiali e il marchio. Il costo di un oggetto di questo tipo può partire da 5 euro per i modelli più economici e arrivare a superare i 30 euro per i modelli più elaborati o firmati.

A prescindere dal costo di un’oliera, è importante verificare sempre che i materiali con i quali questa è stata realizzata, siano di buona qualità e soprattutto che siano a norma di legge.

Trattandosi di un contenitore per prodotti alimentari, bisogna tenere in considerazione il fatto che l’oggetto non deve nuocere alla salute e deve preservare in maniera sicura il suo contenuto.

 

È possibile inserire altri liquidi nell’oliera?

L’oliera può essere utilizzata anche per contenere altri condimenti oltre all’olio, come per esempio l’aceto. La cosa importante è che il contenitore sia lavato accuratamente tra un utilizzo e l’altro, in quanto se la bottiglietta risulta sporca, i residui che rimangono al suo interno, potrebbero contaminare il liquido nuovo che si va a inserire.

A ogni modo è bene acquistare sempre degli appositi contenitori per ogni tipo di alimento liquido che si intende conservare.

In commercio esistono anche dei set multiuso, che contengono più dispenser, come per esempio quello che include sia l’oliera sia l’acetiera. In questo modo potrete avere a disposizione entrambi i condimenti in un’unica soluzione.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS