Gli 8 migliori scolapiatti da appoggio del 2022

Ultimo aggiornamento: 26.09.22

 

Scolapiatti da appoggio – Guida, Opinioni e Confronti

 

I piatti e i bicchieri non sono mai abbastanza: c’è il servizio buono ricevuto in eredità, quello semplice per tutti i giorni, e non può certo mancare quello particolare tutto colorato da mostrare alle feste durante i pranzi con amici e parenti. Purtroppo però, non sempre la lavastoviglie riesce a contenerli tutti, costringendovi a lavare a mano i pezzi in eccesso. Ed è proprio in questo frangente che gli scolapiatti da appoggio ci vengono in aiuto: si posizionano a fianco al lavandino e servono a far asciugare le stoviglie in modo veloce ed efficace, grazie al canale di scolo che evita il ristagno di acqua. In questo articolo abbiamo selezionato i prodotti più apprezzati del momento, come Umbra Tub Dish Rack All-in-one, in plastica resistente e perfetto per chi non ha molto spazio a disposizione. Oppure Alvorog Dish Rack, dotato di un’ampia capacità e adatto a una famiglia numerosa.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori scolapiatti da appoggio – Classifica 2022

 

Siete ancora indecisi su quale scolapiatti da appoggio comprare qui di seguito trovate la lista degli articoli più apprezzati del momento e recensiti in base alle opinioni degli utenti che li hanno provati.

 

 

1. Umbra Tub Dish Rack All-in-one per la Cucina

 

Il migliore scolapiatti da appoggio è quello proposto dal brand canadese Umbra, poiché ha il vantaggio di essere disponibile in varie colorazioni, per poter scegliere quindi quello che maggiormente si adatta alla propria cucina: grigio antracite, verde avocado, rosso, bianco, giallo e nero. Considerato il costo contenuto, il materiale con cui è realizzato non può che essere la plastica, tuttavia secondo quanto riferiscono gli utenti che hanno avuto modo di provarlo, non è particolarmente fragile.

Per quanto riguarda invece la pulizia, si può eseguire con un normalissimo sgrassatore, preferibilmente dopo utilizzi intensivi per evitare l’accumulo di residui. Data la sua natura con sezione aperta nella parte inferiore, che permette lo scolo dell’acqua, l’oggetto va posizionato nei pressi del lavandino e bisogna dunque accertarsi di avere lo spazio necessario sul piano della cucina per evitare che l’acqua si riversi dove non dovrebbe. La parte interna è suddivisa e delimitata: un’area ospita i piatti, mentre i quattro fori di forma rettangolare possono contenere forchette, coltelli e cucchiai.

 

Pro

Colori: La disponibilità in diverse colorazioni è un vantaggio secondo molti utenti, poiché dà infatti la possibilità di scegliere uno scolapiatti che ben si addica alla propria cucina.

Prezzi bassi: Non si tratterà di una delle offerte più economiche della nostra classifica, tuttavia ha comunque un costo contenuto, per tutti i consumatori che vogliono spendere poco.

Pulizia: Semplice e veloce, basta versare un po’ di sgrassatore all’interno e lasciare agire prima di sciacquare con abbondante acqua.

 

Contro

Scolo: Il foro per far fuoriuscire l’acqua è indubbiamente comodo, ciononostante avremmo preferito fosse presente un tappo da poter rimuovere solo quando davvero necessario.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Alvorog Scolapiatti Dish Rack con Vassoio Rimovibile

 

Nonostante il prezzo dello scolapiatti Alvorog sia medio-alto, si classifica come uno dei più venduti, soprattutto perché molto capiente ed elegante, con pochi fronzoli e in grado di ospitare dieci piatti, diciotto ciotole e quindici forchette, coltelli o cucchiai. Ciò è reso possibile grazie alla suddivisione su due livelli, con agganci in plastica dove inserire le stoviglie. 

La parte inferiore è dotata di vaschetta per il drenaggio: tutta l’acqua che proviene dai piatti verrà raccolta e non si riverserà dunque sul piano della cucina, per avere sempre tutto in ordine. La struttura metallica è rivestita chimicamente per evitare la formazione di ruggine ma anche per limitare i danni derivanti da deformazione e corrosione. 

Secondo i pareri espressi dagli utenti l’oggetto potrebbe rivelarsi un po’ troppo fragile, bisogna quindi stare attenti e installare il tutto in maniera delicata, soprattutto gli elementi in plastica. Per quanto riguarda la pulizia, è consigliato eseguirla dopo gli utilizzi intensivi, eviterete così la formazione di calcare nel raccoglitore dell’acqua.

 

Pro

Design: L’aspetto del prodotto è intrigante e piace soprattutto agli utenti che hanno una cucina moderna e minimal. Gli elementi in metallo si rivelano inoltre resistenti e ben rivestiti.

Capiente: Potrete inserire tra i piani circa diciotto ciotole, dieci piatti e quindici tra forchette, coltelli e cucchiai. Adatto dunque a una famiglia composta da tre o quattro persone.

Panno: Incluso nella confezione, è morbido e va posizionato tra la vaschetta e il piano della cucina, per assorbire eventuali gocce d’acqua che cadendo potrebbero rovinarlo.

 

Contro

Plastica: Non tutti gli elementi sono fragili, tuttavia quelli in plastica potrebbero rompersi facilmente in fase d’installazione. Evitate dunque pressioni eccessive o cadute accidentali.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Brabantia Compact Sink Side Scolapiatti Compatto Alluminio

 

Divisibile in tre elementi differenti, lo scolapiatti di Brabantia è un po’ più piccolo rispetto ad altri presi in esame nella nostra classifica, ciò però non lo rende meno interessante. Spicca sicuramente perché è uno scolapiatti da appoggio di design, trattandosi di un modello componibile: abbiamo una parte inferiore che funge da raccoglitore d’acqua, che è possibile utilizzare anche da solo appoggiando una pentola non eccessivamente grande. 

Sulla parte in alto invece viene poi posizionata la griglia in alluminio con i piedini gommati antiscivolo, dove possono trovare spazio cinque piatti, bicchieri, tazze, pentole e lateralmente dal contenitore per le posate.

I colori disponibili di questo scolapiatti da appoggio con raccogligocce sono soltanto due, grigio chiaro e scuro, lasciando dunque poca scelta in fase di acquisto, tuttavia svolge egregiamente il suo lavoro, soprattutto se a utilizzarlo sono coppie, piccole famiglie, o coinquilini che non dispongono di una lavastoviglie. Il prezzo non è dei più bassi ed essendo particolarmente compatto tale dettaglio potrebbe non riscontrare il favore degli utenti.

 

Pro

Aspetto: Per quanto riguarda il design il prodotto si dimostra particolarmente curato nonostante i colori disponibili siano solo due, ovvero grigio chiaro oppure scuro.

Componibile: Potrete utilizzare solo gli elementi di cui avete bisogno, riponendo per esempio in un cassetto il contenitore per le posate o la griglia in alluminio quando non dovete lasciare stoviglie ad asciugare.

Robusto: La costruzione è impeccabile, secondo i pareri espressi dai consumatori è uno dei più solidi che possiate trovare tra quelli venduti online.

 

Contro

Prezzo: Il costo, se consideriamo che è uno scolapiatti molto piccolo, potrebbe essere un po’ troppo alto. Attenzione dunque se avete un budget limitato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Kitchen Kraft Scolapiatti Piccolo in Acciaio Inox 

 

Chi non bada a spese e vuole solo prodotti resistenti e costruiti per durare, può andare sul sicuro con lo scolapiatti di Kitchen Kraft, realizzato completamente in acciaio inossidabile e quindi molto valido in comparazione ad altri del web. 

È pensato per pochi pezzi di stoviglie: un paio di piatti, poche posate e qualche tazza, perfetto dunque per una coppia o per chi vive da solo.

Nella parte inferiore presenta un vassoio anti goccia rimovibile, per una facile pulizia ordinaria. Va precisato che il raccoglitore è leggermente inclinato, per far defluire l’acqua in eccesso e non creare residui stagnanti e potenzialmente maleodoranti.

Alcuni acquirenti l’hanno visto come un difetto quando in realtà basta far sì che lo scolo vada direttamente nel lavandino o, se impossibilitati dalla configurazione della cucina, inserire direttamente sotto il foro di uscita una spugnetta o un tappetino assorbente. 

Nonostante il prezzo sia più alto di quanto ci si aspetterebbe, date le dimensioni di quello che non è uno scolapiatti da appoggio Ikea, è giustificato dagli ottimi materiali.

 

Pro

Acciaio Inox: Lo scolapiatti non presenterà ruggine né altri problemi derivanti dalla corrosione dell’acqua grazie all’attenzione del brand riguardo ai materiali.

Design: Dal punto di vista estetico è un prodotto che fa la sua bella figura in cucina, pertanto consente anche di arredare rivelandosi al tempo stesso utile.

Vano inferiore: È antigoccia, per evitare che l’acqua cada direttamente sul piano della cucina rovinandolo. Ricordate però, che ha anche un foro dove l’acqua defluisce, da orientare in modo che vada nel lavello.

 

Contro

Dimensioni: Per gli acquirenti si rivela troppo compatto. Prima di comprare il prodotto Kitchen Kraft è bene ricordare che lo scolapiatti è pensato per una o massimo due persone.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Metaltex Scolapiatti da Appoggio 

 

Se non fosse per il prezzo leggermente più alto della media, quello di Metaltex potrebbe rivelarsi il miglior scolapiatti sul mercato: garantisce infatti una certa solidità grazie a materiali di qualità e un design Made in Italy.

Il set è composto da tre elementi: due di questi si possono usare anche da soli e, all’occorrenza, potrete inserirli l’uno dentro l’altro. Sulla griglia di appoggio trovano spazio piatti di varie dimensioni, bicchieri e tazze, l’altro componente è in plastica rigida, è leggermente più piccolo e presenta dei fori per i piatti e per le posate.

Secondo gli acquirenti l’accessorio è particolarmente funzionale, inoltre, il vassoio, da posizionare sotto la griglia per raccogliere l’acqua che potrebbe scivolare via dai piatti bagnati, è molto utile, anche se utilizzato da solo per appoggiare i bicchieri e le posate appena lavate. L’unico neo riguarda il calcare, che potrebbe rovinarne i pezzi facilmente: per questo motivo, consigliamo quindi di lavarli spesso.

 

Pro

Made in Italy: Chi cerca prodotti che siano stati realizzati o almeno ideati nel nostro Paese, non resterà deluso dall’articolo di Metaltex.

Componibile: I vari elementi dello scolapiatti si possono utilizzare singolarmente o tutti insieme, in base alle esigenze del momento, riducendo lo spazio occupato in cucina.

Materiali: Sebbene sia composto principalmente da plastica, il prodotto si rivela sufficientemente resistente a cadute e colpi accidentali. Bisogna solo avere l’accortezza di lavare spesso i pezzi per evitare formazione di calcare.

 

Contro

Prezzo: Date le dimensioni e ciò che offre il prodotto Metaltex, il costo è un po’ più alto di quanto ci si aspetterebbe.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Kingrack Scolapiatti da Appoggio per Allungabile

 

Se non cercate necessariamente uno scolapiatti da appoggio richiudibile, date un’occhiata a quello di Kingrack dotato di un design 3 in 1, che quindi può essere utilizzato in vari luoghi, come il lavello o qualsiasi altro piano di lavoro.

Caratterizzato da bracci allungabili e da piedini in gomma, protegge il piano dagli eventuali graffi ed è anche antiscivolo. Se siete preoccupati dalla possibilità che si crei ruggine, l’acciaio di qualità, insieme al rivestimento, assicurano che questo non accada.

Si compone di nove fessure per mantenere i piatti in verticale e otto supporti per i bicchieri, collocati su entrambi i lati; inoltre è incluso un portautensili, che potrete rimuovere senza problemi. Alcuni utenti fanno però notare che le sedi sono troppo basse, non come in certi scolapiatti da appoggio Kasanova, per cui i piatti cadono quando sono troppi.

Anche se le dimensioni sono 35 x 30 x 13,5 cm, la lunghezza può essere aggiustata e raggiungere i 52 cm. 

 

Pro

3 in 1: Grazie al suo design può essere collocato in vari posti, non solo nel lavello, per essere sfruttato al meglio, non come un semplice scolapiatti da appoggio Foppapedretti.

Anti ruggine: Questo modello è realizzato in acciaio ed è rivestito, in modo da evitare maggiormente di correre il pericolo.

Allungabile: La dimensione minima è 35 x 30 x 13,5 cm, ma può essere ampliato fino a raggiungere i 52 cm.

 

Contro

Sedi basse: Se si inseriscono troppi piatti, questi tendono a cadere in basso perché le sedi non sono tali da mantenerli adeguatamente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Guzzini Scolapiatti Flat&Drain Kitchen Active Design

 

Design ed efficienza vanno di pari passo in questo articolo Made in Italy. Diversamente da quanto abbiamo visto in precedenza, l’articolo Flat&Drain non ha griglie che occupano molto spazio ma è una semplice base quadrata su cui è possibile appoggiare piatti, bicchieri, pentole ed eventuali posate per un totale di sei posti tavola.

L’acqua defluisce direttamente nella base dello scolapiatti, che va poi opportunamente svuotata dopo ogni utilizzo. Per la pulizia, come riferiscono i consumatori che hanno avuto modo di provare il prodotto in modo approfondito, la detersione delle fessure potrebbe richiedere parecchio sforzo, per questo motivo è consigliato utilizzare una lavastoviglie, naturalmente qualora disponiate dell’elettrodomestico.

Per sapere dove acquistare il prodotto Guzzini potete utilizzare il nostro link posto in basso, tramite il quale è possibile scegliere anche il colore più adatto alla vostra cucina. Quelli disponibili sono: grigio chiaro, bianco, argilla chiaro, grigio scuro, rosso e verde.

 

Pro

Design: L’estetica dello scolapiatti da appoggio Guzzini è piacevole e si rivela anche molto facile da riporre quando non ne avete bisogno, magari in un cassetto della cucina.

Colori: Potrete scegliere tra diverse colorazioni per selezionare lo scolapiatti che si intona maggiormente alla vostra cucina.

Capacità: Sullo scolapiatti Flat&Drain avrete spazio a sufficienza per sei posti tavolo, compresi piatti e bicchieri.

 

Contro

Igiene: Non avendo griglie ma delle sottili fessure dove poter posizionare i piatti, la pulizia potrebbe rivelarsi faticosa e lunga. Qualora fosse possibile è consigliato utilizzare la lavastoviglie per effettuarla in modo approfondito.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Tescoma 900641 Scola Stoviglie Doppio

 

Lo scolapiatti più economico della nostra classifica è quello proposto da Tescoma: si tratta infatti di una semplice base d’appoggio con una sezione che funge da scolo per l’acqua. La leggera inclinazione permette di far defluire i liquidi direttamente nel lavello, tuttavia bisogna avere una predisposizione tale da permettere un corretto utilizzo senza problemi. Prendete dunque attentamente in considerazione le dimensioni del prodotto, che corrispondono a 44,5 x 2,5 x 31,8 centimetri, per capire se possa adattarsi o meno alla vostra cucina.

Interamente realizzato in plastica, lo scola stoviglie non ha spazio per molti piatti, ed è pensato principalmente per tazze e bicchieri con la possibilità di appoggiare anche frutta e verdura appena sciacquati e in attesa di essere tagliati. Dato il design molto basilare, non è un prodotto difficile da pulire e potrete igienizzarlo facilmente con un po’ di detersivo dopo ogni utilizzo, per evitare così che si accumuli eventuale sporcizia.

 

Pro

Multifunzione: Non è adeguato solo per far defluire via l’acqua da bicchieri e tazze appena lavati, ma potrete appoggiare anche frutta e verdura mentre cucinate.

Economico: Il prezzo è uno dei punti forti del prodotto, tanto da riuscire ad acquistarlo con una spesa minima, ideale per chi ha un budget limitato.

Pulizia: È facile e veloce, basta utilizzare una spugnetta con un po’ di detergente per piatti e il gioco è fatto.

 

Contro

Dimensioni: Pur trattandosi di uno scolapiatti piuttosto piccolo, presenta delle caratteristiche come la zona di drenaggio dell’acqua che deve allinearsi perfettamente al proprio lavello per funzionare al meglio.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un buon scolapiatti da appoggio

 

Capire se un articolo è migliore di un altro non è sempre facile, per questo motivo abbiamo pensato di dedicare una sezione alle caratteristiche che ogni buon prodotto dovrebbe rispettare.

Che cos’è

Lo scolapiatti, come già potrebbe far intuire il nome, serve propriamente a far asciugare le stoviglie dopo il lavaggio, senza costringervi a utilizzare un panno o altri accessori. Si rivela estremamente utile in mancanza dell’apposito elettrodomestico, in cui generalmente il processo di assorbimento dell’acqua avviene direttamente all’interno del vano alla fine di ogni ciclo.

L’accessorio è di norma composto da una vaschetta rettangolare o quadrata e da una griglia che viene poggiata al suo interno. Quest’ultima forma delle piccole curve e rientranze su cui andranno posizionati in modo verticale i piatti e i bicchieri. Alcuni modelli inoltre sono dotati di piccoli contenitori cilindrici più alti in cui lasciare asciugare le posate, i mestoli e altri oggetti indispensabili in cucina.

Alla base di ogni scolapiatti è presente una cavità: tale elemento è necessario affinché l’acqua che i piatti rilasceranno possa sgorgare direttamente all’esterno, come per esempio nella vasca del lavello, su una spugna o un panno assorbente. A differenza dei prodotti da appendere al muro, la cui forma è all’incirca molto simile, questo tipo di articolo non si può affatto fissare alle pareti, non solo perché privo dei fori ai tasselli, ma perché progettato per essere poggiati su un piano orizzontale fisso.

 

Perché acquistarlo

Gli utenti che non possiedono una lavastoviglie sono costretti a lavare i piatti tutti i giorni, e in termini economici questo si rivela un vero spreco: per potere ottenere un’accurata detersione di un servizio di stoviglie da dodici pezzi sono necessari più di 100 litri d’acqua. Inoltre, gli elettrodomestici di nuova generazione sono maggiormente ecosostenibili rispetto ai vecchi modelli che utilizzavano molta energia elettrica.

Tuttavia, non tutte le case hanno lo spazio necessario per poter installare una lavastoviglie da incasso e molte persone preferiscono restare fedeli al lavaggio tradizionale, caratterizzato da spugnetta e olio di gomito. In questi casi, dunque, sarà necessario acquistare uno scolapiatti su cui posizionare le stoviglie appena pulite finché non saranno asciutte.

È possibile scegliere tra diverse tipologie di prodotti: da appoggio, da parete oppure gli sgocciolatoi interni, generalmente presenti nel pensile della cucina in corrispondenza del lavello. In questo articolo ci occuperemo del primo modello: economico, facile da pulire e perfetto per chi ha poco spazio.

 

Materiali

Nonostante in commercio ci siano numerosi modelli differenti, ognuno caratterizzato da un design particolare e dalla possibilità di inserire più o meno piatti, innanzitutto è necessario scegliere la tipologia di materiale più affidabile: la plastica o l’acciaio. In realtà entrambi i prodotti sono molto validi, il primo è probabilmente più compatto, semplice da pulire e ha uno stile più moderno, inoltre si può trovare di colori differenti per dare un tocco di vivacità alla cucina. Tuttavia, la plastica potrebbe deteriorarsi più facilmente se inserita in lavastoviglie a una temperatura molto elevata.

L’acciaio è invece più resistente, igienico e si può lavare anche in acqua bollente senza correre il rischio di rovinarlo. È però maggiormente ingombrante e pesante rispetto al primo, e si rivela più adatto a una famiglia numerosa.

 

Dimensioni

Gli scolapiatti da appoggio non hanno una misura standard: le dimensioni si aggirano intorno ai 50 cm di larghezza e 30 cm di profondità. Qualora abbiate poco spazio a disposizione vi suggeriamo di optare per un modello più compatto e quadrato, su cui però potrete posizionare un numero di piatti minore. Se invece la vostra cucina è molto ampia o magari il lavello è composto da due vasche distinte, su una di queste è possibile posizionare uno scolapiatti a griglia estesa, che potrete rimuovere tutte le volte che volete arrotolandola e sistemandola in un cassetto.

Modelli

Come abbiamo visto, esistono essenzialmente due tipologie di scolapiatti da appoggio: la scelta dipenderà essenzialmente dal numero di piatti e dallo spazio a vostra disposizione. Quelli in acciaio inox sono più ingombranti, caratterizzati da uno stile classico e in grado di contenere molte stoviglie. Quelli in plastica sono senza dubbio più moderni, si possono trovare di forme e colori differenti e una volta adoperati potrete asciugarli e riporli in un cassetto fino al prossimo utilizzo.

 

Rapporto qualità/prezzo

Il costo di un prodotto ha una notevole impatto sugli utenti, nonostante ciò non dovrebbe mai rappresentare l’unica caratteristica da prendere in considerazione. Tale precauzione è necessaria affinché non si acquisti un articolo che potrebbe rivelarsi di pessima qualità oppure non realmente adatto alle proprie esigenze, poiché troppo piccolo o eccessivamente grande.

Per questo motivo, vi consigliamo di valutare sempre tutti i dettagli di uno scolapiatti, a partire dal materiale di cui è composto e le dimensioni, che devono rispettare totalmente lo spazio a vostra disposizione.

 

 

 

Come usare uno scolapiatti da appoggio

 

Se avete appena acquistato un nuovo prodotto e volete qualche informazione in più su come adoperarlo, in questa breve sezione vi spiegheremo come fare.

A cosa serve

Si tratta di un accessorio che si rivela estremamente utile in mancanza di una lavastoviglie e di un gocciolatoio, poiché serve come punto di appoggio per i piatti appena lavati che necessitano di asciugatura. È composto da una vaschetta contenente una griglia, in metallo oppure in plastica, molto simile a quella presente nei comuni elettrodomestici, su cui dovrete appoggiare in posizione verticale piatti, posate e bicchieri.

Nella parte in basso, generalmente posta lateralmente, vi è un piccolo canale di scolo, necessario affinché l’acqua possa defluire e non ristagnare sul fondo, evitando così proliferazioni di batteri. Se volete sapere come scegliere un buon scolapiatti da appoggio vi invitiamo a leggere la nostra guida all’acquisto presente poco più su in questo articolo.

 

Dove posizionarlo

Nelle comuni cucine lo scolapiatti, chiamato anche gocciolatoio, è posizionato nel pensile in alto in corrispondenza del lavello. Tuttavia, gli utenti che non hanno potuto aggiungere tale elemento in fase di installazione, troverà senz’altro utile gli accessori proposti in questo articolo, da posizionare sul piano di lavoro o nei pressi della vasca. Generalmente la vicinanza a quest’ultima zona è altamente consigliata, poiché lo scolapiatti, dotato di canale di scolo, tenderà a perdere acqua, che in questo modo finirà direttamente all’interno del lavandino piuttosto che altrove.

Alcuni modelli però sono caratterizzati dalla presenza di una vaschetta sottostante e da una griglia rialzata per consentire agli utenti di collocare il prodotto anche in altre parti, come per esempio su un tavolo o su un normale ripiano.

 

Come inserire i piatti

Lo scolapiatti può diventare un ottimo alleato in cucina, tuttavia, se le stoviglie sono posizionate in modo sbagliato l’accessorio ne riuscirà a contenere un numero minore, perdendo così buona parte della sua utilità. Per questo motivo, vi suggeriamo di prestare attenzione durante il suo utilizzo, appoggiando in modo corretto i piatti in posizione verticale tra le griglie più strette, mentre i bicchieri vanno inseriti in quelle più larghe.

Per quanto riguarda le posate invece, quasi tutti i modelli hanno a disposizione un contenitore laterale in cui introdurle. Tuttavia, alcuni scolapiatti non sono dotati di tale sistema a griglia, ma presentano solo una vaschetta con la base ondulata che permette all’acqua di non stagnare. In questo caso dunque, l’accessorio si rivelerà più utile per l’asciugatura di pentole, ciotole e altre tipologie di stoviglie simili.

Tempo di asciugatura

Vi suggeriamo di lasciare i piatti e i bicchieri capovolti per almeno una decina di minuti prima di riporli nella credenza, anche se i tempi di attesa possono variare molto in base al numero di stoviglie e alla temperatura presente in casa. In un ambiente umido e freddo per esempio, tale durata potrebbe aumentare di molto costringendovi a lasciare lo scolapiatti sul lavello anche per alcune ore.

 

Manutenzione ordinaria

Nonostante siano dotati di canale di scolo, tali oggetti vanno puliti di tanto in tanto dai residui di sapone e altre impurità che si possono depositare sul fondo. Chi ha una lavastoviglie molto capiente a disposizione potrà inserire lo scolapiatti direttamente nel cestello insieme al resto. In alternativa, è possibile adoperare un normale detersivo e una spugnetta poco abrasiva, passarla lungo tutta la superficie e le anse più strette, sciacquare e infine lasciare asciugare per bene prima di riutilizzarlo.

 

 

 

Domande Frequenti

 

Dove è possibile acquistare uno scolapiatti da appoggio?

Trattandosi di un oggetto che è possibile utilizzare principalmente in una cucina domestica, si può reperire all’interno dei negozi specializzati in accessori di utilità per la casa, dove però nella maggior parte dei casi i prezzi sono molto alti. Talvolta si possono trovare anche in alcuni punti vendita presenti negli ipermercati e adibiti al commercio di stoviglie, pentolame o elettrodomestici per la cucina. In alternativa, se desiderate valutare dapprima le offerte disponibili in rete, vi invitiamo a leggere la nostra classifica dei migliori scolapiatti da appoggio del 2022 presente proprio in questo articolo.

Come si pulisce uno scolapiatti da appoggio?

La manutenzione di uno scolapiatti è necessaria affinché nella parte sottostante, dove l’acqua tende a stagnare se non posizionato correttamente, non si formino batteri, muffe e altri microrganismi che potrebbero compromettere la pulizia dei piatti. Per questo motivo, è consigliabile lavare almeno una volta a settimana l’oggetto preferibilmente in lavastoviglie, in modo tale che la temperatura elevata dell’elettrodomestico riesca a eliminare tutti i germi.

Gli utenti più attenti all’ambiente potrebbero provare a utilizzare uno spruzzino a base di aceto di mele e bicarbonato, due elementi dalle proprietà antibatteriche, strofinando con un panno in microfibra e sciacquando adeguatamente sotto l’acqua corrente.

 

Quante stoviglie può contenere uno scolapiatti da appoggio?

Non è facile rispondere a questa domanda, poiché tale dettaglio cambia a seconda del modello e della dimensione del prodotto che si sceglie. Per esempio, uno scolapiatti molto grande, magari disposto su due livelli e di 50 cm di lunghezza, può arrivare a contenere fino a dieci piatti, venti ciotole circa e quindici posate.

Se invece preferite optare per un articolo più economico, che potrebbe misurare approssimativamente 40 cm e che presenta un solo ripiano, molto probabilmente il numero delle stoviglie sarà di gran lunga inferiore al precedente. Ciò non toglie che entrambi i prodotti possano risultare molto validi: la scelta dipenderà essenzialmente dallo spazio a vostra disposizione.

 

È possibile attaccare lo scolapiatti da appoggio a una parete?

Trattandosi di un oggetto da appoggio, ovvero da posizionare su un ripiano stabile, è dunque molto improbabile riuscire a modificare il suo assetto e appenderlo a un muro. Inoltre, tale prodotto presenta un particolare dislivello alla base che consente all’acqua di defluire e lasciare le stoviglie asciutte e pulite. Nel caso in cui questa pendenza dovesse mancare, è possibile che i liquidi ristagnino sul fondo, dando così vita a batteri e altri sgradevoli microrganismi. Se non avete abbastanza spazio sul piano della cucina, vi suggeriamo dunque di optare per un articolo totalmente diverso e che potrete attaccare alla parete senza difficoltà.

 

Perché lo scolapiatti da appoggio ha una pendenza laterale?

Ciò che rende questa tipologia di prodotti altamente utili in assenza di un gocciolatoio o una lavastoviglie è proprio tale dislivello presente alla base dell’oggetto. Si tratta infatti di un metodo che consente ai piatti di asciugarsi correttamente evitando il ristagno di liquidi nella zona sottostante, a causa dei quali si potrebbero formare muffe e altri germi. Nella maggior parte dei modelli è inoltre presente una piccola cavità, che permette all’acqua di sgorgare direttamente nel lavandino della cucina.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS