Gli 8 migliori coltelli giapponesi del 2022

Ultimo aggiornamento: 26.09.22

 

Coltelli giapponesi – Guida, Opinioni e Confronti

 

Tra i migliori coltelli professionali in commercio troviamo senza dubbio quelli giapponesi che, come vuole l’arte culinaria di questo paese, devono essere diversi per rispondere a ogni tipo di necessità. Un’ampia scelta, che però ha un costo non indifferente; se è quello che state cercando, siete già al corrente dei prezzi, quasi sempre alti, di questi coltelli. Siamo andati alla ricerca di alcuni tra i migliori coltelli giapponesi in commercio: di seguito una piccola anticipazione delle nostre scelte. Al primo posto della nostra classifica troviamo Sanelli Premana Professional Coltello Giapponese Olivato, un utensile da cucine ideato specificatamente per il taglio di frutta e verdura. Al secondo posto invece Kai Set Composto da Custodia per Coltelli e 5 Coltelli, un kit che include una buona varietà di prodotti di ottima qualità.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori coltelli giapponesi – Classifica 2022

 

La ricerca del miglior coltello giapponese potrebbe essere un po’ complicata se non si conoscono le loro differenze. Infatti ce ne sono diversi e hanno dei nomi che ovviamente risultano completamente nuovi. 

Siamo andati alla ricerca di alcune tra le migliori proposte sul mercato e in questa guida sono inclusi anche dei preziosi consigli d’acquisto, per aiutarvi a fare chiarezza sulle caratteristiche da non sottovalutare, se state pensando di acquistare dei nuovi utensili per la vostra cucina. 

Ecco qui la nostra lista di alcuni dei migliori coltelli giapponesi del 2022. 

 

 

Coltello giapponese da cucina

 

1. Sanelli Premana Professional Coltello Giapponese Olivato

 

Se siete alla ricerca di un coltello giapponese da cucina senza spendere cifre esorbitanti, vi consigliamo di dare un’occhiata a questa proposta firmata Sanelli. Si tratta di un coltello Made in Italy, costituito da una lama olivata in acciaio inox e un manico trattato con ioni in argento, che svolge un’azione battericida. 

La lama, ben affilata, è ideale per tagliare la frutta e per realizzare rapidamente il trito di verdure. Questo coltello è parte della linea Premana Professional, studiata per garantire performance elevate, praticità di utilizzo e sicurezza, anche da un punto di vista igienico. 

Il prodotto è inoltre certificato NSF e ISO 22000, due sigle sinonimo di affidabilità per i consumatori. Inoltre, il costo, davvero interessante considerando che si tratta di un prodotto destinato anche a uso professionale. L’unica pecca? La mancanza della custodia. 

Per acquistare questo buon coltello giapponese a prezzi bassi online, cliccate sul link che trovate qui sotto. 

 

Pro

Made in Italy: Un buon coltello giapponese prodotto in Italia da Sanelli e costituito da una lama olivata di 18 cm in acciaio, per garantire una maggiore resistenza e durata. 

Versatile: Un coltello  da cucina che si adatta al taglio di frutta e verdura, e dotato di un manico dalla forma ergonomica, per assicurare una presa salda.  

Protezione antibatterica: Il manico è rivestito con un additivo a base di ioni di argento che offrono una protezione contro i batteri. 

 

Contro

Custodia: Purtroppo il coltello non è provvisto di custodia, una mancanza che diventa una pecca, considerando il nome ben conosciuto nel settore che lo produce. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Set coltelli giapponesi

 

2. Kai Set Composto da Custodia per Coltelli e 5 Coltelli

 

Un set di coltelli giapponesi che include cinque modelli, caratterizzati da lame di lunghezza diversa, per assicurare un utilizzo versatile in cucina. Trovate infatti il piccolo coltello con lama da 10 cm, uno da 15 cm, da 16,5 cm, 20 cm e 23 cm. 

Sono tutti realizzati in resistente acciaio inossidabile e dotati di manici in polipropilene antisettico e bambù, una scelta che coniuga durata a una maggiore sicurezza igienica. Sono prodotti in Giappone e realizzati da un marchio storico nel settore, che vanta un’esperienza pluridecennale nella creazione di coltelli da cucina. 

Oltre a questo elemento e al taglierino, il resto dei tre coltelli è più versatile tra i modelli nipponici. Non dovete però spaventarvi del prezzo che, come vuole la tradizione di questi utensili, non è mai basso.

Per sapere dove acquistare questo kit di coltelli Made in Japan, qui sotto trovate un link da cliccare per trovarli in un negozio online. 

 

Pro

Kit completo: Questo set di coltelli, prodotto in Giappone da un’azienda storica nel settore, include cinque modelli diversi, per rispondere a diversi utilizzi in cucina.

Materiali: I coltelli sono dotati di una solida lama in acciaio inox e di un’impugnatura in bambù e polipropilene antisettico, per garantire una maggiore igiene. 

Due custodie: Il kit è contenuto all’interno di una custodia dotata di un sistema a velcro, per evitare che i coltelli si possano muovere. Inoltre, il modello più piccolo è provvisto di una custodia portatile. 

 

Contro

Costo: Non è un set economico, al contrario, il prezzo appartiene alla fascia alta. Non è quindi adatto a chi ha un budget più limitato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltello giapponese professionale

 

3. TooSharp Coltello Disosso 5 Inch Honesuki Coltello Cucina Professionali

 

Tra le nostre offerte non poteva mancare questo bellissimo coltello giapponese, che grazie al design originale, che contraddistingue entrambi i lati della lama, non si è fatto attendere per entrare a far parte della nostra classifica. 

Dotato di una lama da 13 cm molto spessa e affilata, è un coltello da cucina adatto soprattutto al taglio della carne e del pesce, ma può essere usato anche per frutta e verdura. È quindi anche la versatilità un punto a favore, così come la qualità dei materiali. 

Questo coltello è costituito da una lama in acciaio ad alto contenuto di carbonio, per garantire una maggiore durata, e un’impugnatura ergonomica a triplo rivetto e cordolo pieno, per bilanciare il peso nel modo corretto. Pratico e maneggevole, include una custodia per conservarlo al meglio. 

Più che soddisfatti i pareri di chi lo ha scelto, ma non bisogna badare a spese perché il modello appartiene a una fascia alta di prezzo. 

 

Pro

Design: La lavorazione su entrambi i lati della lama balza agli occhi dal primo sguardo e dona al coltello un look elegante e sofisticato. 

Materiali: Un coltello molto resistente, grazie alla lama in acciaio inox ad alto contenuto di carbonio e un manico dalla forma ergonomica, per facilitare una presa salda. 

Custodia: Inclusa nel pacchetto anche una custodia creata appositamente per evitare che questo buon coltello da cucina possa rovinarsi.

 

Contro

Prezzo: È un prodotto che offre numerosi vantaggi, ma il costo non è tra questi. Essendo però un coltello giapponese professionale non ci si può stupire. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltello giapponese forgiato a mano

 

4. MostroMania Set Coltelli Giapponesi Forgiati a Mano

 

Se siete alla ricerca del set più economico di coltelli giapponesi, per fare un bel regalo a un amico o un parente appassionato della cucina nipponica, vi consigliamo di tenere in considerazione questa proposta. 

Spicca per il design, dalla scelta della custodia ai tre coltelli inclusi nel set, una combinazione che rende il prodotto completo e ben curato. Ognuno è forgiato a mano e realizzato in acciaio inossidabile, con un’impugnatura in legno di palissandro africano. 

I tre coltelli si suddividono in due tradizionali e un Nakiri, una combinazione che rende il loro utilizzo adatto al taglio di qualunque alimento in cucina. Una nota di merito anche alla custodia rigida, realizzata in legno chiaro, con una stampa con lettere in giapponese. 

Benché però tutto faccia pensare che è un prodotto che arriva direttamente dal Giappone, non è così perché è realizzato in Cina. Questo spiega anche il suo costo molto contenuto, facendo una comparazione con altri prodotti realizzati appunto in terra nipponica o in Italia. 

 

Pro

Handmade: Un kit di coltelli giapponesi forgiati a mano e caratterizzati da un design raffinato ed elegante, merito della scelta dei materiali. 

Materiali: Il set comprende due coltelli tradizionali e un coltello Nakiri, dotati di lame forgiate a mano e di manici in pregiato legno di palissandro africano.

Custodia: Completa il set una custodia in legno chiaro, che riporta una scritta in giapponese, donando al prodotto un look da collezione. 

 

Contro

Made in China: Benché il design e i materiali siano di buona qualità, il prezzo contenuto si spiega proprio dall’origine del prodotto, che non è il Giappone ma la Cina. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltello giapponese Kai

 

5. Kai 6724Y Coltello Wasabi Yanagiba Lunghezza Lama 24 cm

 

Nella nostra classifica non poteva mancare questo coltello giapponese Kai, un marchio apprezzato e conosciuto nel settore grazie alla vasta gamma di prodotti, che si contraddistinguono per il loro ottimo rapporto qualità/prezzo. 

Questo modello è un ottimo esempio dei vantaggi che offre il brand, che continua a produrre i suoi coltelli in Giappone. Costituito da una lama in acciaio lucido e da un manico composto da una combinazione di bambù e polipropilene antisettico, è un coltello resistente, duraturo e naturalmente antibatterico.

Con una lama lunga ben 24 cm, è la scelta ideale per tagliare a filo il pesce, per le verdure e la frutta. Inoltre, il manico crea un pezzo unico con la lama, un dettaglio che punta ancora una volta all’igiene, perché evita l’eventuale accumulo dei residui di alimenti tagliati. 

Per acquistare questo nuovo coltello online, cliccate sul link che trovate subito dopo la nostra descrizione. 

 

Pro

Made in Japan: È un coltello caratterizzato da un buon rapporto qualità/prezzo, prodotti in Giappone da un’azienda storica del settore. 

Materiali: La lama lucida è realizzata in acciaio inox, mentre il manico è costituito da polvere di bambù combinata a polipropilene antisettico. 

Igiene: Oltre all’effetto naturalmente antibatterico dei materiali, l’impugnatura non ha solchi ma avvolge la lama per una maggiore igiene e per facilitare la pulizia. 

 

Contro

Custodia: Il coltello non è provvisto di custodia, l’unica pecca di questo prodotto, che per il resto non sembra avere altri punti deboli. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltello giapponese Santoku

 

6. Sky Light Coltello Santoku Coltello Lama Acciaio Inossidabile 

 

La maggioranza dei coltelli giapponesi in commercio ha un prezzo elevato, ma non è il caso di questo modello, che ha riscosso un enorme successo nelle vendite anche perché è davvero economico. 

È un coltello Santoku che ci ha colpito per il costo accessibile a tutte le tasche, in modo da offrire, anche a coloro che hanno un budget più limitato, la possibilità di provare questa tipologia di utensili da cucina. 

La lama lunga ben 17 cm è realizzata in solido acciaio inox, mentre il manico è dotato di un rivestimento antiscivolo, per garantire un’impugnatura salda. Inoltre, il manico e la lama sono un pezzo unico e l’assenza di solchi aiuta ad assicurare una maggiore igiene. 

È un coltello adatto a tagliare qualsiasi tipo di alimento. Con tutti questi vantaggi non ci sorprende che sia tra i più venduti online e non solo, quindi se la vostra intenzione è quella di acquistarlo, cliccate sul link che segue la nostra descrizione. 

 

Pro

Costo: Tra i punti di forza di questo coltello c’è il prezzo, decisamente inferiore rispetto alla maggioranza dei coltelli giapponesi sul mercato. 

Materiali: Il coltello è costituito da una lama molto spessa in acciaio inossidabile e un manico a triplo rivetto con un’impugnatura antiscivolo, per garantire una presa salda. 

Versatilità: Un grande punto di forza di questo modello consiste nella possibilità di usarlo per tagliare qualsiasi tipo di alimento.

 

Contro

Custodia: Benché la confezione includa un panno per pulire il coltello, non c’è la custodia e considerando che la lama è affilatissima, consigliamo di metterlo in un posto riparato in cucina. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coltello giapponese Shan Zu

 

7. Shan Zu Coltello da Chef Damasco 20 cm 

 

Se avete intenzione di acquistare un coltello di qualità, versatile e soprattutto affidabile, vi consigliamo di dare un’occhiata a questa proposta firmata Shan Zu. Il suo punto forte consiste nella scelta dei materiali e nel design, una combinazione assolutamente vincente. 

La lama è larga e lunga circa 20 cm ed è realizzata in acciaio damasco: ecco il segreto delle performance di questo coltello. Questo acciaio speciale giapponese conferisce alla lama un’elevata potenza di taglio, una buona affilatura e parecchia resistenza nel tempo. 

Ad alto contenuto di carbonio, è una lama a doppio taglio, pensata quindi per agevolare i mancini. Il manico è in fibra di vetro, una scelta che conferisce a questa componente una particolare resistenza al caldo e all’umidità.

Infine, è un coltello che si presta a numerosi utilizzi in cucina e si adatta a qualsiasi alimento. 

Nonostante non sia tra quelli economici, è comunque tra i modelli più venduti e non solo online. Se pensate di aver trovato la soluzione giusta per voi, cliccate sul link che segue la nostra descrizione. 

 

Pro

Materiali: La particolarità di questo coltello consiste nella lama realizzata con un acciaio speciale ad alto contenuto di carbonio, che le conferisce una particolare resistenza. Inoltre, la lama è a doppio taglio in modo da permettere l’uso anche ai mancini.

Impugnatura: Il manico è realizzato in fibra di vetro di qualità, che garantisce una buona presa ed è resistente al calore e all’umidità. 

Versatilità: È un coltello ideale per eseguire diversi tipi di taglio in cucina e può essere utilizzato per qualsiasi alimento. 

 

Contro

Prezzo: Non è un coltello economico e questo dettaglio non dovrebbe stupire soprattutto per la qualità dei materiali e la multifunzionalità del prodotto. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

coltello giapponese Totiko

 

8. Totiko Japan Knives Sashimi Yanagiba Sakai 30 cm

 

Totiko è un marchio italiano che, da qualche tempo a questa parte, ha riscosso un grande successo nel settore dei coltelli giapponesi a uso professionale. Un brand che combina l’arte dell’artigianato, con la scelta dei migliori materiali e un pizzico di tecnologia. 

Sono tutte caratteristiche che abbiamo riscontrato anche in questo coltello fatto a mano, che spicca per la sua forma lunga e sinuosa, con lama sottile da 30 cm. In gergo è il coltello Yanagiba, quello destinato alla preparazione del sushi e del sashimi, tra le pietanze più amate in Giappone, ma anche nel resto del mondo. 

La lama è realizzata in resistente acciaio ma è affilata solo da un lato, quindi non è la scelta ideale per i mancini. Il manico è di legno trattato per evitare la formazione di batteri e offre una presa antiscivolo salda e sicura. 

Completa il pacchetto una bella custodia con chiusura magnetica, che lo rende anche perfetto come idea regalo.

 

Pro

Qualità artigianale: Il coltello professionale Yanagiba con lama lunga ben 30 cm e affilata solo da un lato, ideale per tagliare pesce e per creare sushi e sashimi. 

Materiali: La lama è realizzata in acciaio inox ad alto contenuto di carbonio mentre il manico è in legno trattato, per assicurare una maggiore igiene in cucina. 

Custodia: Il coltello è completo di custodia dotata di chiusura magnetica, ideale come presentazione per fare un bel regalo. 

 

Contro

Mancini: Il coltello è affilato solo da un lato, una scelta che non lo rende ideale per chi usa solo la sinistra, ovvero i mancini.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un buon coltello giapponese 

 

Non è facile capire quale coltello giapponese comprare, soprattutto se non siete chef professionisti e non conoscete molto bene le peculiarità di questi preziosi utensili da cucina. Le lame dei coltelli giapponesi, infatti, sono lavorate in modo tale da effettuare un taglio specifico agli alimenti, ma è essenziale conoscere le loro caratteristiche per usarli nel modo corretto.

Qui sotto trovate una serie di considerazioni da fare, per capire come scegliere un buon coltello giapponese. 

Per ogni alimento un suo coltello

La prima considerazione da fare riguarda appunto le loro differenze, ovvero la forma della lama, che varia in base agli alimenti che deve tagliare. Ognuna, quindi, svolge una funzione ben precisa e ha il compito di mettere in risalto le parti migliori di qualsiasi alimento.

Dal pesce alla carne, per la frutta e la verdura, ci sono tanti coltelli diversi per realizzare piatti deliziosi, effettuando tagli diversi in base agli ingredienti. Per questa ragione è una buona idea quella di acquistare un set di coltelli giapponesi, in modo tale da avere ciò che serve in cucina. 

I coltelli giapponesi sono solitamente ben bilanciati e pratici da usare, ma soprattutto una parte della lama è arrotondata per evitare di tagliarsi. 

 

L’importanza dei materiali

Secondo la tradizione giapponese, i coltelli devono avere una lama in acciaio molto resistente e un’impugnatura in legno. Nel tempo si possono ossidare e per evitarlo basta lavarli e asciugarli con cura dopo ogni utilizzo. Inoltre, l’alto contenuto di carbonio delle lame aumenta la loro durata e la resistenza. 

Per quanto riguarda il manico, non si trova solo di legno, ma anche in bambù oppure in fibra di vetro. Importante che sia realizzato con materiali che siano naturalmente antisettici, oppure trattato per assicurare un’azione antibatterica, e quindi una maggiore igiene. 

I materiali sono quindi di fondamentale importanza e devono essere di alta qualità: qui si spiega in parte anche il prezzo alto di questi coltelli, decisamente maggiore rispetto a quelli occidentali.  I coltelli giapponesi di migliore qualità sono spesso accompagnati da un certificato garanzia che attesta la qualità dei materiali e il metodo con il quale sono stati realizzati. 

Se avete intenzione di puntare a un buon rapporto qualità/prezzo, potete trovare numerosi marchi italiani e giapponesi sul mercato, che offrono una vasta gamma di prodotti fedeli alla tradizione.

 

La saldatura dei coltelli giapponesi 

La saldatura dei coltelli giapponesi è diversa da quelli occidentali. Nei coltelli comuni con il manico di legno, per esempio, vengono utilizzate delle viti per collegare l’impugnatura alla lama, ma nel caso di quelli giapponesi viene inserito un terzo componente, il cosiddetto “ponte” che ha il compito di tenere unite le due parti.

La saldatura dei coltelli giapponesi viene solitamente effettuata con il rame, l’acciaio oppure il ferro. Tra la lama e l’impugnatura si aggiunge uno strato di rame che, solidificandosi, unisce le due parti in modo sicuro e più affidabile rispetto alle viti. Detto ciò, sono però il ferro e l’acciaio a essere utilizzati per la maggiore soprattutto nella creazione dei coltelli fatti a mano. 

Se invece il manico è di legno, la saldatura si nota sulla parte superiore che appunto può essere in rame, ferro, oppure in acciaio. 

Le caratteristiche della lama giapponese

La principale peculiarità delle lame giapponesi consiste nel loro grado di durezza, che viene quasi sempre riportato nelle specifiche del prodotto. Questa caratteristica incide sulla durata e sulla resistenza del coltello, e in un certo senso ne determina anche la qualità.

La durezza della lama, inoltre, facilita anche l’affilatura in maniera tale da garantire prestazioni costanti a questi preziosi utensili da cucina. Il processo di lavorazione di una lama per coltelli giapponesi avviene in tre fasi diverse e, a differenza di quelli occidentali, non si uniscono diversi strati di acciaio. 

La lama viene creata da un pezzo unico di acciaio che viene lavato e affilato utilizzando due metodi tradizionali diversi. Si tratta della stessa tecnica utilizzata anche per la creazione della famosa katana, la spada giapponese usata sin dall’antichità e conosciuta proprio per il suo elevato grado di affilatura. 

Oggi, i coltelli giapponesi vengono prodotti un po’ in tutto il mondo anche a livello industriale, ma la maggioranza delle aziende ha mantenuto il tipo di lavorazione nipponica che li ha resi celebri e tanto apprezzati. 

 

 

 

Come affilare i coltelli giapponesi

 

La particolare lavorazione dei coltelli nipponici, la meticolosa scelta dei materiali e come vengono assemblati, sono tutte componenti contemplate nella tradizione orientale, per creare prodotti di alta qualità e di evidente maestria di artigianato. 

Anche il mantenimento e la manutenzione dei coltelli però è importante, perché anche la levigatura avviene in modi ben precisi. L’affilatura dei coltelli giapponesi si ottiene attraverso l’utilizzo di pietre in ceramica, che offrono degli ottimi risultati e non rischiano in alcun modo di rovinare la lama.

Le pietre per affilatura in ceramica si suddividono in grande diverse, che variano in base alla rugosità, un po’ come avviene con la carta vetrata, per intenderci.

La selezione della grana

La scelta della grana si basa sul tipo di lavoro da compiere sulla lama, quindi se è molto danneggiata si utilizza quelle più dura da 120 a 400, mentre se necessita di rifare il filo allora si opta per quelle medie da 600 a 2000. Nel caso in cui, invece, la lama ha solo bisogno di essere lucidata, allora la grana fine da 3000 a 8000 è quello che serve. 

Potete anche decidere di acquistare grane diverse, in modo tale da avere tutti gli accessori necessari in caso di lucidatura o se la lama venisse danneggiata o perdesse il filo. È però essenziale controllare la superficie della pietra, che deve essere piana; se non lo fosse usate la pietra con grana 80 che la rimodella.

Dopodiché immergete le pietre in acqua per circa 10 minuti. Come la pietra, anche il coltello deve essere ben pulito e soprattutto asciutto. 

 

Dividere la lama in più sezioni 

Per facilitare il lavoro è ideale suddividere la lama in diverse sezioni e procedere all’affilatura in maniera graduale, in modo tale da essere certi di eseguire una levigatura completa. Importantissimo anche l’angolo di inclinazione della lama, che come vuole la tradizione giapponese dovrebbe essere compreso da 10° e 30° rispetto alla superficie posta in orizzontale. 

Chi non è molto pratico con questa tecnica di levigatura, può facilitare il lavoro con un binario guida che mantiene un’inclinazione costante. Ora fate scorrere la lama sulla pietra compiendo una leggera pressione e, seguendo le sezioni, completate l’affilatura.

Idratare la pietra 

La pietra dovrebbe rimanere ben idratata durante il corso della levigatura e quindi, se notate che si è asciugata, basta aggiungere qualche goccia di acqua. I coltelli si devono affilare da entrambe le parti e dopodiché devono essere lavati a mano, usando solo acqua e saponi neutri.

Concludete l’operazione asciugando il vostro utensile accuratamente e ponetelo nella sua custodia, o in quella che avete procurato, nel caso in cui non fosse in dotazione quando l’avete acquistato. 

 

 

 

Domande frequenti

 

Come si pulisce un coltello giapponese?

Se avete appena acquistato un coltello giapponese o un kit, è fondamentale sapere come procedere alla sua manutenzione. Quando è ancora nuovo, mettetelo sotto l’acqua calda e sciacquatelo, dopodiché asciugatelo con cura: ora è pronto per essere utilizzato per la prima volta.

Dopo averlo usato, sciacquatelo nuovamente sotto l’acqua calda e lavatelo con una spugna morbida, aggiungendo solo detergente delicato, ma non aggressivo. Ricordate che la lavastoviglie è nemica del vostro coltello giapponese, quindi non usatela per questo genere di utensili. 

Il filo della lama è abbastanza delicato, per questo munitevi di tagliere di legno o in plastica alimentare. A questo proposito munitevi di custodia per il vostri coltelli giapponesi, in modo tale da conservarli correttamente. 

Infine, i manici di legno necessitano di qualche attenzione in più, quindi ogni tanto trattateli con olio nutritivo. 

Quanto costa un buon coltello giapponese?

Tra i coltelli più costosi troviamo proprio quelli nipponici, ma il loro valore è proporzionato alla qualità, e in parte alla loro fama. In commercio si trovano numerose proposte adatte a ogni budget.

In linea generale, il loro costo è difficilmente inferiore ai 30€ e può raggiungere prezzi davvero elevati, anche a tre zeri. Naturalmente, anche la produzione e il marchio, la tipologia di coltello e i materiali incidono sul loro costo.

La differenza di prezzo dipende quindi da diversi fattori e conviene quasi sempre acquistare un set, con il quale si riesce quasi sempre a risparmiare qualcosa.

 

Quali sono le differenze tra i coltelli giapponesi e quelli occidentali?

La prima differenza riguarda i materiali con i quali vengono realizzate le lame; nel caso dei coltelli occidentali troviamo l’acciaio inox, mentre per quelli nipponici c’è un acciaio con alto contenuto di carbonio. 

Quest’ultimo rende la lama molto più tagliente e in grado di mantenere l’affilatura per lungo tempo, però d’altro canto rischia la formazione di ruggine più facilmente rispetto al puro acciaio inox. 

Inoltre, mentre i coltelli occidentali presentano un bisello doppio, sono cioè affilati da entrambi i lati, lo stesso non accade per quelli giapponesi, affilati solo da una parte. 

 

Quali sono i coltelli per sushi e sashimi?

I tre coltelli giapponesi che vengono utilizzati per questi due piatti, ormai famosi in tutto il mondo, sono: yanagiba, deba e usuba. Il primo è un coltello dotato di una lama molto affilata e sottile, ideale per realizzare delle perfette fettine di pesce senza fare alcuno sforzo.

Il deba è anch’esso molto affilato ma più robusto del precedente e il suo impiego è quello di sfilettare e squamare. L’usuba serve invece per pelare e per affettare in modo preciso, grazie alla lama molto sottile di cui è dotato. 

 

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS