Gli 8 Migliori Cuociriso del 2022

Ultimo aggiornamento: 03.12.22

 

Cuociriso – Guida, Opinioni e Confronti

 

Nella patria dei risotti, ben pochi italiani si accontentano del solito riso cotto in pentola, che ha una consistenza pastosa e può risultare anche pesante. Per questo sono stati creati gli appositi elettrodomestici, che permettono di godere in casa di prelibatezze sognate solo nei classici ristoranti, come ad esempio nel caso del sushi, il cui riso è così leggero da poter essere preso con le tipiche bacchette in legno. Sfruttando la cottura a vapore, che lascia inalterato il sapore dei chicchi, i cuociriso sono il baluardo dell’Oriente, da cui prende spunto per le preparazioni a base di acqua. Tra i migliori in circolazione menzioniamo Tupperware FBA 9896, un prodotto ad alta capacità per soddisfare l’appetito di più persone e con una velocità notevole, visto che bastano pochi minuti per la preparazione. Non è da meno Reishunger Cuociriso Digitale, dal costo più elevato ma con una qualità ottima, che offre la possibilità di cuocere in sette fasi un riso di qualunque tipo.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 Migliori Cuociriso – Classifica 2022

 

Dopo aver consultato pareri e offerte sul web, per controllare quali fossero i migliori cuociriso del 2022, abbiamo deciso di creare una pratica lista di prodotti raccomandati che ci hanno convinto maggiormente sia in termini di convenienza, sia per l’alta qualità proposta.

 

 

Cuociriso Tupperware

 

1. Tupperware MicroCook Cuoci Riso 3,0 L Porposa

 

Iniziamo la nostra classifica con il modello Tupperware, il miglior cuociriso in circolazione a detta dei consumatori abituali. Pratico e versatile, questo prodotto permette di cuocere in tempi brevi tutta una serie di pietanze a base di riso, ma non solo.

In piccole quantità, può essere usato anche per scaldare alimenti come le patate e farle venire più morbide. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, il cuociriso è formato da due parti essenziali: il contenitore, che ha una capacità massima di 3 l, già a 1,6 l risulta abbastanza pieno e pesante, per cui consigliamo di non riempirlo troppo.

Il coperchio superiore serve poi a favorire la cottura del riso, grazie ai due appositi fori sui lati, per permettere al vapore di uscire, e alle due alette, per essere comodamente bloccato sul contenitore. 

Vediamo ora quali sono i suoi pro e contro.

 

Pro

Copertura interna: Il prodotto è provvisto di una copertura interna che funge da camera d’aria per la cottura del riso, lasciando uscire solo una parte del vapore e rendendo gli alimenti più gustosi.

Velocità: Si possono portare a compimento tante belle preparazioni con il cuociriso giusto e questo fa sicuramente al caso vostro, se avete poco tempo ma volete godervi un piatto semplice e buono.

Versatilità: Apprezzato dagli utenti per la qualità della cottura, il cuociriso è consigliato da noi anche per altri alimenti, infatti è perfetto per le patate, per tipi di riso particolari come il basmati e per le verdure.

 

Contro

Coperchio: Essendo creato in plastica, tende a rompersi con un uso frequente e prolungato del prodotto, e non sempre è disponibile una sostituzione della parte danneggiata.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cuociriso elettrico

 

2. Reishunger Cuociriso Digitale 860W Bollitore Multifunzione con 12 Programmi

 

Il cuociriso elettrico Reishunger permette di creare, con un semplice pulsante, grazie alla cottura in sette fasi, un riso dalla consistenza perfetta per tutta la famiglia. E la caratteristica fondamentale sta proprio nella sua capienza: sebbene in categoria non è quotato tra i prodotti a prezzi bassi, rimane uno dei più venduti perché, con la sua capacità di 1 litro e mezzo, con una sola cottura offre una preparazione di riso per ben otto persone.

Con il suo funzionamento a lunga durata, grazie agli 860W di supporto, facilita la preparazione di qualsiasi piatto a base di riso integrale, bianco, croccante, da sushi, quinoa e congee, oltre che di verdure per un’ottima zuppa, dal gusto intenso e saporito.

Il display è intuitivo e di facile utilizzo, programmato per esigenze differenti, dai tre minuti per cuocere ingredienti semplici alla specifica funzione per riscaldare, anche se, con le diciture in inglese, potreste aver bisogno del manuale di istruzioni per capire bene quale bottone premere. 

Anche qui mostriamo i vantaggi e svantaggi del prodotto, in un breve riepilogo.

 

Pro

Alta qualità: Forse il prodotto più costoso in categoria è questo, ma vale la pena acquistarlo per la qualità di cottura che offre, nonché per la versatilità nel preparare in poco tempo tipi diversi di riso.

Materiali: Rispetto ad altri cuociriso, creati esclusivamente in plastica, questo di Reishunger ha delle pratiche maniglie e un contenitore con un doppio rivestimento in ceramica antiaderente.

Accessori: Oltre al cuociriso, sono inclusi nel prezzo il comodo misurino, il cucchiaio per la funzione di bollitura, le istruzioni per qualsiasi tipo di manutenzione o problema, e una parte dedicata alla sola cottura a vapore.

 

Contro

Tempistica: Alcuni utenti hanno notato che, se la cottura del riso viene interrotta, non è possibile farla ripartire dallo stesso punto, per cui la pietanza risulta asciutta e bruciata.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cuociriso Black&Decker

 

3. Black+Decker Rc1860 Cuociriso, Potenza 700 W

 

Non siete ancora sicuri di quale cuociriso comprare? La nostra guida all’acquisto vi offre una soluzione conveniente ma allo stesso tempo di qualità con il prodotto di Black&Decker. Essendo molto capiente, infatti può contenere quasi 2 l di acqua, per cuocere il riso o altre pietanze simili, è adatto anche a famiglie numerose o per cene particolari, con un numero elevato di ospiti.

Una delle caratteristiche migliori è il doppio livello di cui è provvisto: ha infatti sia il classico contenitore per la cottura a vapore, sia un vassoio separato dalla base meno profonda, rivestito con materiale antiaderente e perfetto per le verdure.

Basta un semplice bottone per accenderlo e poi non ha bisogno di controllo costante, visto che il riso non si attacca al fondo e viene cotto in tempi abbastanza veloci, sebbene dopo poco tempo abbia bisogno di manutenzione a causa di malfunzionamenti frequenti.

Scopriamo meglio insieme quali sono i pro e contro di questo prodotto.

 

Pro

Piedini: Alla base del cuociriso vi sono dei piedini in gomma che offrono stabilità, facilitando lo spostamento e l’appoggio su qualsiasi superficie senza il rischio che scivoli, cada a terra e si rompa.

LED: I sensori a LED che possiede questo cuociriso hanno la specifica funzione di avvertire se ci sono problemi durante la cottura, quando è in funzione e a che livello è il mantenimento del calore all’interno.

Due livelli: Come accennato, la presenza di un contenitore per la cottura a vapore e di un vassoio superiore per altri tipi di alimenti permette la preparazione di numerose pietanze in poco tempo.

 

Contro

Funzionamento: Unica pecca sta nel fatto che sono presenti dei malfunzionamenti evidenti dopo solo pochi mesi dall’apertura del cuociriso e dopo averlo usato solo poche volte.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cuociriso Snips

 

4. Snips 000703 Cuoci Riso e Cereali per Microonde-4 lt

 

Il cuociriso Snips ha tutte le carte in regola per essere un prodotto adatto a single e coppie, comodo e pratico da portare al lavoro o in viaggio, senza occupare troppo spazio. Fabbricato in solida plastica, ha le sembianze di un cestino porta pranzo, e infatti è stato pensato per sfruttare al meglio la cottura del microonde in pochi minuti, per mantenere tutti i principi dell’alimento a cottura ultimata.

Vi basterà inserire nel recipiente il riso con acqua e poi farlo cuocere per 12 o 15 minuti al massimo. Successivamente, in modo veloce, potrete condire il tutto direttamente nel vassoio senza sporcare nulla.

In più, grazie al coperchio sottostante che funge da sigillo per gli alimenti, può essere inserito nel frigo e conservato per un po’ evitando che vada a male. In categoria è il prodotto più economico tra quelli venduti online, sebbene il fatto che non sia elettronico e non abbia molte funzioni, come lo spegnimento automatico, lo penalizzino leggermente. 

Osserviamo più da vicino i suoi pregi e difetti.

 

Pro

Innovativo: Questo marchio made in Italy porta un nuovo concetto di cuociriso, che è simile a un porta pranzo ed è versatile sia per le sue dimensioni, sia per la facilità delle preparazioni.

Design: Se non sapete dove acquistare un cuociriso che abbia capacità ma anche stile, questo qui potrebbe fare al caso vostro per il suo design accattivante, dai colori brillanti e vividi.

Pulizia: Il vantaggio di avere un cuociriso in plastica è anche quello di poterlo pulire in modo molto semplice. Tutte le sue parti infatti possono essere inserite in lavastoviglie senza il minimo sforzo.

 

Contro

Chiusure: Il coperchio presenta delle alette plastificate che sono deboli e non mantengono bene il contenitore sottostante. Inoltre, quando vengono messe in microonde si aprono.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cuociriso Tristar

 

5. Tristar Cuociriso RK-6117 0,6 Litri Funzione di Mantenimento in Caldo

 

In comparazione con molte altre marche presenti sul mercato, quella di Tristar rappresenta una garanzia ed è una delle più gettonate al momento per i prodotti che offre. Dalle dimensioni ridotte e con una capienza di 0,6 l, è la scelta adatta a chi vive solo o in coppia, visto che permette di cuocere fino a tre porzioni di riso morbido e soffice in modo molto veloce, anche se la resistenza del prodotto non è eccelsa.

Inoltre può essere facilmente spostato in qualsiasi spazio della vostra cucina, ed è pratico se ne avete una piccola, provvista, per esempio, solo di due fornelli. Il menù ha due comandi intuitivi, cosa che rende il cuociriso molto semplice da usare: il tasto di accensione, impostato su Cook, serve a cuocere i cibi a vapore, invece Warm, ossia la funzione sottostante, a tenere in caldo il riso a cottura ultimata, senza bruciarlo.

Controlliamo più da vicino i suoi pro e contro.

 

Pro

Lavaggio: Un vantaggio non indifferente è la presenza di un contenitore removibile interno al cuociriso, creato con rivestimento antiaderente e facilissimo da smontare e riporre in lavastoviglie.

Cottura: Niente da ridire sulla preparazione perfetta che questo cuociriso offre, grazie alle due funzioni di base e lo spegnimento automatico quando la cottura è ultimata. Il riso risulta soffice e saporito.

Prezzo: Tutto sommato, rispetto ad altri in categoria, questo prodotto si presenta a un costo vantaggioso, considerata anche la qualità delle preparazioni.

 

Contro

Resistenza: Anche in questo caso, l’unica vera pecca sta nella sua durata. Infatti dopo qualche mese dall’utilizzo il cuociriso smette di funzionare, forse a causa di un corto circuito.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cuociriso Russell Hobbs

 

6. Russell Hobbs 19750-56 Cuociriso per 10 Tazze, 700 Watt

 

Se amate sbizzarrirvi in cucina con la preparazione di piatti a base di riso, questo di Russell Hobbs è il prodotto giusto per voi, di cui saprete apprezzare di certo la cottura e la velocità. Non a caso basta inserire un quantitativo sufficiente di acqua, che il cuociriso può contenere fino a 1,8 l, e una quantità equilibrata della pietanza che volete servire, per ottenere un riso pronto in poco tempo e dalla consistenza ottima.

Vi farà piacere sapere che il prodotto in questione non è adatto solo alla cottura di questo cereale: il prezzo è giustificato dal fatto che è provvisto anche di un contenitore superiore, in cui è possibile cuocere altri alimenti come patate e verdure.

Insomma la sua versatilità è sicuramente un punto di forza, insieme alla qualità dei materiali, in solido acciaio inox. Nonostante questo accorgimento da parte dell’azienda, qualche piccola critica va fatta solo al materiale antiaderente molto sottile del cuociriso.

Procediamo mostrandovi i principali pregi e difetti.

 

Pro

Capienza: Il principale pregio del cuociriso sta nel fatto che può contenere fino a 1,8 l d’acqua, e questo vuol dire che produce in una sola volta un massimo di dieci porzioni di riso. 

Vassoio: Non solo si può disporre della cottura a vapore del riso, ma anche di una seconda preparazione, grazie al vassoio in dotazione per altri alimenti, adatto a tutti i tipi di verdure e alle patate.

Forma: Anche se le sue dimensioni sono piuttosto grandi, vista la capienza, la forma del cuociriso è elegante e compatta, per offrire il massimo comfort in termini di spazio.

 

Contro

Antiaderenza: La preoccupazione principale dei consumatori riguarda il materiale antiaderente che riveste il contenitore, in quanto è molto sottile e il riso tende ad attaccarsi comunque sul fondo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Sistema cuociriso

 

7. Sistema Cuociriso, Colore Rosso

 

Avere un prodotto elettrico implica doverlo usare in casa, con la possibilità mancata di poter gustare il riso appena fatto anche fuori, per esempio nel proprio ufficio. Con Sistema cuociriso questo problema non esiste più, visto che è creato per offrire non solo una cottura ottimale delle pietanze, ma anche un trasporto facile, data la funzione di contenitore che assume.

In dotazione vi è infatti la piccola spatola per girare e condire il riso appena fatto, una piastra per pressare e tenere in caldo il riso, e un coperchio con alette in plastica e due fori, per far uscire il vapore in eccesso ed evitare la formazione di acqua all’interno.

Consigliamo solo di controllare bene l’altezza del microonde, visto che questo prodotto in termini di dimensioni non è molto agevole e potrebbe non entrare nell’elettrodomestico. Procediamo esaminando meglio i pro e contro.

 

Pro

Costo: Poco più di 10 euro e porterete a casa il massimo della comodità, specialmente se siete alle prime armi e non sapete ancora come scegliere un buon cuociriso tra tutti quelli presenti in commercio.

Trasporto: Rispetto ai classici contenitori, che dopo un po’ tendono a formare acqua o a far raffreddare i cibi, questo prodotto ha sia la capacità di tenere in caldo, tipica del cuociriso, sia le dimensioni adatte a essere trasportato.

BPA free: L’articolo è creato con materiali in plastica solida e resistente, ma BPA free; questo vuol dire che all’interno non sono contenute sostanze nocive che potrebbero danneggiare l’organismo.

 

Contro

Altezza: Un piccolo difetto è dato dall’altezza del contenitore, forse creata appositamente per snellire la forma del cuociriso. Controllate sempre le misure prima di procedere all’acquisto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Cuociriso Lékué

 

8. Lékué 0200700V06M017 Cuoci Riso e Cereali in Silicone 

 

Ultimo in categoria, vi presentiamo Lékué, il cuociriso in plastica a doppia funzione. La parte inferiore ha una capienza di 1 litro e mezzo: basta inserire il riso con acqua e metterlo in microonde.

La parte superiore invece è provvista di un fondo bucherellato, che serve per il passaggio del vapore e permette la cottura, allo stesso tempo, di cereali e alimenti simili. Piccolo e agevole, in pochi step potete consultare il ricettario e avere in tavola prodotti freschi e genuini, che mantengono tutto il loro sapore grazie alla specifica cottura a vapore del cuociriso.

Il costo, a primo impatto, potrà sembrare leggermente eccessivo per un articolo realizzato in plastica e silicone, ma per la sua versatilità potrebbe valerne la pena. Infatti all’occorrenza può essere usato anche per la cottura di cipolle, di verdure varie e perfino della pasta, in circa 20 minuti alla massima potenza.

Procediamo nel farvi vedere più in basso i vantaggi e svantaggi.

 

Pro

Resistenza: Per essere fabbricato in plastica, il prodotto ha una buona resa nel tempo, con un’ottima resistenza dei materiali, e in più è molto leggero, quindi facile da spostare a piacimento.

Praticità: Uno dei migliori in categoria anche per la facilità di utilizzo, e soprattutto per le diverse pietanze che è possibile cucinare, a partire dal riso fino ad arrivare alla pasta o al minestrone.

Risultato: Quotato al massimo anche per i sapori che offre, si può dire che è adatto anche ai palati più esigenti, che amano i gusti delicati e ricercati attraverso una buona cottura.

 

Contro

Prezzo: Bisogna valutare attentamente la spesa, in quanto il costo di questo articolo è abbastanza importante e non adatto a chi ha un piccolo budget.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un buon cuociriso

 

Il riso è un alimento leggero e profumato, ideale da portare in tavola a una cena in famiglia o con degli ospiti. Tuttavia non sempre è facile gestire la cottura, vista la grande quantità di amido che rilascia, rendendolo piuttosto pastoso.

Un buon cuociriso può fare la differenza donando alla pietanza la giusta consistenza e rendendola più saporita.

Le funzioni

Un cuociriso non è un apparecchio adibito solamente alla preparazione di un piatto, perché a seconda del modello che scegliete, in base alla fascia di prezzo o alle caratteristiche tecniche, potrete usufruire di una grossa quantità di funzioni utili nel cucinare.

Queste opzioni sono regolate da una serie di comandi presenti solitamente nella parte inferiore del cuociriso, come illustrato nelle istruzioni, mentre in quelli con fascia di prezzo più alta spesso si trovano sul display touch o illuminato nella parte frontale.

Con un colpo d’occhio è già possibile capire più o meno di che comando si tratta, ed è per questo che tali apparecchi sono definiti intuitivi e semplici da utilizzare. Tra le funzioni più comuni, ossia tra quelle più gettonate all’interno di cuociriso di media fascia di prezzo, vi sono l’accensione e lo spegnimento, il mantenimento a caldo e il LED.

Le prime sono attivabili con il classico pulsante on/off, sebbene di solito lo spegnimento non è manuale ma automatico: per indicare malfunzionamenti o la fine della cottura vi sono gli appositi LED o comunque delle spie luminose che attirano l’attenzione.

Il mantenimento a caldo è forse l’azione più utile tra tutte quelle del prodotto: una volta finito di cuocere, il riso, o l’alimento che avete inserito, si mantiene caldo fino a quando non aprite l’apparecchio per tirarlo fuori.

Ci sono anche funzioni più complesse, che variano per tipologie e sono tipiche dei modelli avanzati: un esempio è il timer, che stabilisce i tempi di cottura, le impostazioni avanzate in base a un tipo particolare di riso o il pulsante per regolare la pressione.

 

Materiali e sicurezza

Nella scelta di un cuociriso tenete conto anche della praticità e di tutte quelle piccole differenze che possono migliorare l’apparecchio, a partire dai materiali e dalla sicurezza che offre.

I materiali devono essere sempre idonei all’impiego che bisogna farne, in questo caso importantissimo, visto che si tratta di uno strumento per cuocere cibi. Se avete notato un’offerta particolarmente vantaggiosa di una marca poco conosciuta, è normale che vi venga qualche dubbio.

In questo caso controllate sempre che abbia il marchio idoneo, come quello europeo della BPA free, o che comunque nella lista dei materiali sia tutto a norma. Molto spesso i produttori tendono a rendere il marchio quanto più visibile possibile per una questione di marketing, visto che il prodotto in quel caso risulta controllato, nel pieno rispetto dell’ambiente, ma non sempre è 100% sicuro.

Il bisfenolo è una sostanza chimica nociva per la salute, molto spesso utilizzata per produrre plastica e resina: per questo la dicitura free indica che non ve ne dovrebbe essere traccia nel cuociriso, creato con queste caratteristiche.

Recentemente la maggior parte dei modelli viene creata in acciaio inox, proprio per evitare problemi, visto che è resistente, di lunga durata e sicuro per la salute grazie alla presenta dell’antiaderente interno.

Come lavare il cuociriso

Pulire un cuociriso non è difficile se si impiegano le tecniche giuste: in pochi minuti tornerà a splendere senza sprechi di acqua e detersivi. Tutto ciò che vi occorre è una spugna, poco detergente per piatti, dalla consistenza non aggressiva sull’acciaio o la plastica, e un panno in microfibra, per non lasciare aloni o gocce d’acqua, che negli apparecchi elettrici potrebbe dare qualche fastidio.

Considerate il cuociriso come una normale pentola per il risotto, ma con una superficie antiaderente: questo dettaglio è fondamentale perché dovrete procurarvi una spugna con lato morbido, per evitare che questo fondo sia raschiato via quando andrete a pulire la parte interna.

La cottura del riso altrimenti ne verrebbe compromessa, perché si attaccherebbe al fondo, rischiando di bruciarsi. Un altro step da non sottovalutare è il lavaggio della parte esterna e il panno in microfibra ha proprio questa specifica funzione: bagnatelo leggermente e passatelo su tutte le componenti elettriche sporche o macchiate.

Se non è specificata la possibilità di inserirlo in lavastoviglie, vi consigliamo di fare questo piccolo servizio in modo manuale, visto che determinate zone sono molto delicate e a contatto con i getti di acqua e vapore caldo potrebbero subire delle malformazioni o avere dei malfunzionamenti futuri.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come è fatto un cuociriso?

Il cuociriso è un apparecchio creato per bollire e stufare grosse quantità di riso e verdure,  senza essere costretti a controllare costantemente la cottura. Di solito è formato da tre parti, ossia una ciotola interna, che ha un fondo antiaderente per evitare che la pietanza si attacchi, un termostato per regolare la temperatura e prevenire bruciature, e un elemento riscaldante, come una piastra o altri espedienti simili, per favorire la giusta cottura del piatto.

A questi tre elementi di base se ne aggiungono poi altri un po’ più specifici, con modalità differenti a seconda di come volete che sia preparato il riso.

 

Il cuociriso è versatile?

Uno dei vantaggi maggiori di avere questo elettrodomestico nella propria casa è quello di liberare la cucina da pentole e pentolini ingombranti, che normalmente si devono usare per comporre pietanze differenti, creando caos eccessivo.

Infatti può svolgere mansioni diverse, come bollire patate e verdure, cuocere zuppe e cereali, e in alcuni casi, se la capienza lo permette, anche la pasta può essere inserita al suo interno, in modo da risparmiare sul tempo e lo spazio.

Se considerate anche che è molto facile da lavare perché le parti sono smontabili, potete trarne solo vantaggi sotto tutti i punti di vista.

 

Quali tipologie di cuociriso esistono?

I modelli disponibili sul mercato sono tanti e tutti differenti, per questo all’inizio, in chi approccia alla prima volta a questo apparecchio, ciò potrebbe creare un po’ di confusione.

Per fare maggiore chiarezza, possiamo dirvi che ci sono i modelli meno costosi, al di sotto dei 10 euro fino ad arrivare ai 20, che sono solitamente in plastica e servono per la cottura del riso all’interno del forno a microonde.

Al di sopra di questa soglia, vi sono tipologie intermedie e ad alto costo, dai 30 ai 100 euro, che si distinguono per le funzioni che hanno: solitamente sono modelli elettrici, cosa che agevola di molto il lavoro.

 

Quanto è vantaggioso un cuociriso?

La risposta è decisamente positiva, visto la comodità e la praticità che questi dispositivi offrono al consumatore. Per farvi un esempio, in una mattinata intensa di lavoro, in cui non avete il tempo di pensare a cosa cucinare, vi basterà versare dell’acqua e del riso nel cuociriso e lasciarlo acceso prima di uscire, per avere già pronto il pranzo al vostro ritorno.

Tra l’altro dimenticate cibi freddi da scaldare in microonde: visto che l’apparecchio in molti casi ha la specifica funzione Warm, che serve a mantenere la pietanza calda anche a distanza di ore, potrete gustare il riso come se fosse appena fatto.

 

Come scegliere quello adatto?

Per capire qual è il cuociriso perfetto per le vostre esigenze ponetevi una semplice domanda: quante persone siete? In questo modo potrete scegliere le dimensioni più congeniali alla preparazione e all’uso che ne volete fare.

Considerate che una dose vale come una tazza di chicchi crudi a persona, perciò, se siete una coppia, un modello a tre tazze andrà benissimo, mentre per una famiglia di cinque potete preferire il modello a sei o sette tazze.

La capienza va di pari passo, con 2 l è possibile raggiungere anche un numero di dieci porzioni, soluzione più che consigliata se avete un nucleo familiare ampio.

 

 

 

Come utilizzare un cuociriso

 

Dedicato agli amanti di questo cereale, il cuociriso è un oggetto utile a mangiare sano e a non perdere troppo tempo in cucina. Vediamo insieme come utilizzarlo al meglio, per sfruttare tutte le sue potenzialità.

 

 

Come funziona il cuociriso

 

Una guida alla scoperta delle funzionalità del cuociriso, l’elettrodomestico ideato per una cottura a puntino e più sana, senza condimenti.

 

Il cuociriso è un elettrodomestico ideato per cuocere in modo autonomo il riso, senza dover aggiungere burro e olio. Si tratta di una soluzione perfetta per chi desidera velocizzare i tempi in cucina e spendere poco. 

Il grande successo nelle vendite di questo strumento, infatti, è anche merito del suo costo economico e della sua facilità di utilizzo. Il design ricorda quello di una pentola dai bordi alti, con una piastra posta sul fondo, dotata di una molla che attiva un sistema a pressione, in grado di cuocere il riso in pochissimo tempo.

Il contenitore è isolato dall’esterno per evitare scottature ed è solitamente presente un coperchio trasparente per monitorare la cottura. Sapete come si usa un cuociriso? Qui sotto trovate tutte le informazioni che vi aiuteranno a fare l’acquisto giusto.

 

Il miglior cuociriso è dotato di un interruttore per l’accensione e lo spegnimento e di un altro che consente appunto di cuocere il cereale e, in alcuni casi, di mantenere la temperatura per servirlo ancora caldo. 

Il funzionamento è semplice e intuitivo: si aggiunge riso e acqua nella pentola, si chiude con attenzione usando il coperchio e si attende la cottura, che risulterà perfetta. Il riso cuoce in pochi minuti e senza doverlo girare, come succede quando si prepara sui classici fornelli. 

Ovviamente i tempi di cottura variano in base alla quantità di riso e di acqua che inserite nella “pentola”: in linea generale, se cuocete 100 g di Arborio vi servono 120 g di acqua, una proporzione 1:1,2 più o meno, e questo vale con le altre tipologie di riso. 

Un buon trucco per assicurare una cottura impeccabile è quello di lavare il riso sotto l’acqua prima di cuocerlo, in modo da liberarlo di un po’ del suo amido.

 

 

Come scegliere il modello più adatto?

Considerando il costo accessibile del cuociriso e le sue funzioni, che sono quasi sempre le stesse, non è un acquisto difficile se non fosse per la vasta gamma di proposte in commercio.

Valutate la capienza del contenitore e la presenza della funzione di spegnimento automatico, che eviterà inutili sprechi di energia, anche se, in generale, è un elettrodomestico che ne usa poca ed è molto veloce nella cottura. 

Sul mercato potete trovare modelli dotati di presa elettrica e altri che invece hanno bisogno del microonde per cuocere il cereale. Scegliete in base alle vostre esigenze, tenendo in considerazione quante persone siete in famiglia. 

Un altro importante accorgimento riguarda la scelta del riso: è più che normale optare per un Carnaroli o per un Arborio, i più gettonati nel nostro paese, ma in realtà questo elettrodomestico nasce in Oriente per la cottura di riso basmati e thai. Detto ciò, anche i nostri tipi di riso più consistenti verranno cotti al punto giusto, senza trasformarsi in una poltiglia. 

Prima di utilizzare lo strumento, è sempre meglio leggere le istruzioni per l’uso e per la corretta manutenzione, per assicurare una lunga vita al prodotto e prestazioni costanti. Interessanti i modelli con vaporiera incorporata, che offrono una tipologia di cottura in più, sempre basata sull’assenza di condimenti. 

I cuociriso con vaporiera sono dotati di un vassoio posto sopra il contenitore, che cuoce gli alimenti a vapore e può essere utilizzato mentre il riso è già nel prodotto. Da un punto di vista di costi, i modelli 2 in 1 sono economici quanto quelli standard, quindi fateci un pensierino se amate anche la cottura a vapore.

 

 

Quali sono i vantaggi del cuociriso?

I vantaggi del cuociriso sono numerosi, a partire dal suo prezzo accessibile a tutte le tasche: una particolarità tra gli elettrodomestici solitamente più costosi. Troviamo in seconda posizione il risparmio energetico che assicura, considerando che cuoce molto velocemente. Meglio ancora se il vostro modello è dotato di spegnimento automatico. 

Inoltre il cuociriso non realizza solo questo cereale, ma può essere utilizzato per la preparazione di altri legumi, minestre, marmellate, budini, torte e molto altro. Questo strumento consente quindi di cucinare diverse pietanze e non solo il riso, senza bruciare e senza rovinare i manicaretti. Una sorta di pentola-forno da usare secondo necessità in modo pratico e versatile. 

D’altra parte cucinare sui fornelli significa prestare attenzione durante la cottura, proprio per evitare che gli alimenti si possano bruciare o attaccare al fondo della pentola: tutto ciò non potrà mai accadere utilizzando un cuociriso. 

Inoltre, tendenzialmente cereali e legumi impiegano molto tempo a cuocere ma non sempre si ha il tempo da dedicare alla cucina. Questo modello invoglia a mangiare più sano e senza sforzi, preparando cereali e legumi in pochissimi minuti: una soluzione ideale per chi lavora e desidera un po’ di indipendenza in più. 

 

 

Quanta acqua occorre nel cuociriso

Per chi è entrato da poco nel mondo di questi apparecchi, abbiamo dei piccoli trucchi anche per capire le proporzioni ottimali di acqua e alimenti, da inserire all’interno, per ottenere una pietanza perfetta, visto che soprattutto i primi tempi si sa quanto sia difficile regolarsi.

Anche se nella parte esterna di solito ci sono delle misurazioni per l’acqua, non sempre sono affidabili al 100%, poiché bisogna considerare i tipi di riso che volete usare e anche la quantità adatta di altri alimenti come contorno.

Consigliamo di pesare prima di tutto 100 g di riso a grana lunga, porzione ottimale per una persona: se siete abituati a mangiarne di meno, regolatevi in base alle vostre esigenze e unitelo a 175 ml di acqua.

Per quelli a grana media e piccola, potete inserire nel cuociriso dai 150 ai 125 ml: solo per quello integrale occorre una grande quantità di acqua, e infatti per una tazza da 100 g dovrete aggiungere almeno 250 ml.

 

 

Quale riso usare per il cuociriso

In realtà non esiste una tipologia specifica di riso che non possa essere cotta alla perfezione da un cuociriso più moderno e con funzioni aggiornate, ma se ne possedete uno nella norma, il miglior tipo da impiegare è quello originario.

La sua consistenza è molto ricca e tende a cuocersi in fretta, mantenendo inalterato il sapore, anche se pensate di aggiungere verdure o altri alimenti per una ricetta particolare. Ciò non nega che non possiate gustare del buon riso orientale o di qualsiasi altro tipo, ma per questi dovrete essere bravi a impostare nel dettaglio le giuste proporzioni di acqua e di cottura, in modo da ottenere un buon risultato.

 

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Come funziona il cuociriso

Contrariamente a quanto possiate pensare, mettere in funzione un cuociriso non è così difficile come sembra, anzi, coloro che lo utilizzano abitualmente sottolineano spesso che il menù è intuitivo e di facile comprensione per quasi tutti i modelli.

Per aiutarvi a capire meglio, vi mostriamo le sue caratteristiche tecniche a partire dalla base: sul fondo vi è un primo fornello interno, che serve a scaldare il cibo inserito nel contenitore, dalla forma simile a una piastra elettrica da campeggio, tanto per farvi un’idea.

Al centro di questa piastra vi è una molla che scatta solo quando il cuociriso viene acceso con il pulsante Cook, grazie a una specie di sensore che avverte quando effettivamente c’è la quantità di riso giusta da cuocere a vapore.

Per questo motivo la parte inferiore è un po’ più spessa del normale. Nella parte superiore vi è invece il classico coperchio da pentola, con qualche piccola modifica: viene di solito fabbricato in plastica, presenta dei fori che favoriscono l’uscita del vapore e delle alette che farete scattare per mantenerlo saldo sul contenitore.

Quest’ultimo poi rappresenta il vero e proprio centro di cottura: quasi tutti i cuociriso sono rivestiti all’interno di materiale antiaderente, che evita bruciature o incrostazioni fastidiose sul fondo e hanno spesso un regolatore a tacche, nella parte esterna, per il livello dell’acqua e della temperatura. Non vi resta che controllare queste misure per utilizzarlo al meglio.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS