Come diventare un blogger di cibo

Ultimo aggiornamento: 03.12.22

 

Lo straordinario successo dei social network e, negli ultimi tempi, di Instagram in particolare ha aperto le porte a una serie di professioni che, solo una ventina di anni fa, non avremmo nemmeno immaginato. Tra queste c’è quella di food blogger, ovvero un esperto o appassionato di cibo che condivide con il mondo del web – su un blog o, più recentemente, sul proprio profilo social – questa sua passione per la cucina. Visto e considerato che in Italia il cibo è allo stesso tempo cultura e oggetto di culto, l’interesse per l’argomento è grandissimo ma è molto ampia anche la presenza di blogger di successo, tra chef stellati che si sono riciclati come instagrammer e cuoche che già spopolavano in televisione.

 

Questo pero non significa che anche voi non possiate diventare food blogger e dire la vostra in questo mercato. Per avere successo, però, non bisogna improvvisare bensì seguire alcune importanti regole, che abbiamo voluto elencare qui di seguito.

 

Definire il proprio target

Questa è sicuramente la prima decisione da prendere. A chi vi volete rivolgere? Qual è il vostro tipo di cucina? Siete più orientati a realizzare piatti gourmet dagli ingredienti raffinati e ricercati o caserecci e ispirati dalla tradizione? Va da sé che questa scelta determinerà sia lo stile delle preparazioni (e di conseguenza delle immagini dei vari piatti) sia quello della scrittura. 

 

Immagini e video di alto livello

Viviamo in un’epoca in cui siamo costantemente bombardati da immagini e, dunque, l’attenzione di chi visiterà il vostro blog o profilo Instagram dovrà necessariamente essere catturata da foto e video molto belli, esteticamente curati in ogni dettaglio e mai banali. Per capire quello che intendiamo vi invitiamo a dare un’occhiata alla proposta di https://it.depositphotos.com/stock-videos.html che offre proprio una sezione interamente dedicata al food e che vi sarà sicuramente di grande ispirazione. Scattate numerose foto del vostro piatto finito, modificando inquadratura e angolazione, magari inserendo qualche elemento di contorno (un bel piatto di portata, un bicchiere con del vino sullo sfondo…) in modo che la composizione sia bilanciata e accattivante. Non dimenticate poi di immortalare i vari passaggi della preparazione, così da fornire una guida passo a passo, che permetta ai vostri follower di replicare la ricetta anche se non hanno la vostra stessa abilità ai fornelli.

L’importanza dei testi

Certo abbiamo appena insistito molto sul quanto le immagini e i video siano determinanti ma questo non significa che il vostro blog debba avere testi trascurati o poco precisi. I contenuti sono determinanti. E devono essere originali – dunque niente copia e incolla da altri siti – grammaticamente corretti, chiari e professionali, con quel tocco di leggerezza che renda non solo utile ma anche piacevole la lettura. 

 

Il successo dipende (anche) dalla SEO

Dietro questa sigla si cela l’insieme delle strategie e delle pratiche tese a incrementare la visibilità di un sito migliorandone la posizione nei motori di ricerca. Riuscire a essere considerato da Google è determinante, perché il vostro blog deve essere trovato dagli appassionati di cucina, altrimenti finirete per avere come unici visitatori i vostri familiari… Questo è possibile grazie alla SEO e alle parole chiave da inserire nei vostri articoli. Più riuscirete a creare contenuti che tengano conto dei parametri che soddisfano i motori di ricerca, più possibilità avrete di veder crescere il numero di visitatori. Naturalmente non ci si può improvvisare esperti di SEO, però il nostro consiglio è quello di accrescere le proprie conoscenze in materia, magari sfruttando i numerosi video sull’argomento presenti su YouTube. 

 

Scegliere i giusti tempi

Pubblicare in un giorno quattro post e poi non scrivere nulla per una settimana non è il modo giusto per gestire un blog di cibo (e di qualsiasi altro argomento). La pianificazione dei contenuti è fondamentale e va mantenuta con regolarità. Decidete dunque, in base al tempo che avete a disposizione e all’impegno che volete mettere nel progetto, le tempistiche di pubblicazione e abituate i vostri lettori a una routine, in modo che tornino regolarmente a visitare la pagina o il profilo social. 

 

Prendere ispirazione

Come accennato, sul web e sui social network è un trionfo di food blogger, alcuni bravissimi, altri improvvisati. Non abbiate timore di prendere ispirazione da quelli che vi piacciono di più ma, soprattutto, da quelli che hanno un grande seguito. Studiare la concorrenza vi permetterà di comprendere determinate dinamiche, di capire quali sono i punti di forza e di debolezza di un progetto e di rielaborarli, miscelandoli alle vostre competenze e peculiarità. 

Ampliare la propria platea

Una volta creato il vostro blog di cibo o il vostro profilo Instagram sarà basilare riuscire a raggiungere più persone possibili. E per farlo – oltre a quanto detto finora – sarà determinante aumentare le occasioni in cui gli utenti possano “imbattersi” nel vostro progetto. Come fare? Contattate altri food blogger e proponete scambi di link, studiate iniziative, contest e, se ne avete la possibilità, partecipate a eventi e fiere, in modo da ampliare il giro delle vostre conoscenze e abilità. Se volete che il vostro blog sia più di un passatempo, dovete necessariamente investire in tempo ed energie. 

 

Non pensare subito ai guadagni

Non vogliamo certo essere ipocriti. È logico che l’obiettivo di ogni food blogger sia quello di guadagnare e trasformare la propria passione per il cibo in un lavoro a tutti gli effetti. Ma per riuscirci ci vuole tempo, impegno e anche un pizzico di fortuna. Detto questo, è importante non farsi prendere dalla frenesia del guadagno, dunque, inizialmente evitate di inserire nel vostro blog banner pubblicitari o link a siti che vendono prodotti, in modo da trasmettere ai lettori che è la passione a muovervi. Inoltre il rischio concreto – tra pop up e selve di banner – è quello che le pagine risultino pesanti e poco piacevoli da navigare. Una volta creata la vostra base di utenti, potrete focalizzarvi sui guadagni, optando sempre per soluzioni eleganti e non eccessivamente invasive.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS